Dax, dove guardare ora?

L'indice tedesco si sgancia dai 13 mila punti dopo la riunione della Bce e aggiorna i nuovi massimi storici.

bg_dax_122082
Fonte: Bloomberg

Si allontana finalmente dai 13 mila punti il Dax dopo la riunione della Bce. Le parole ancora accomodanti di Draghi e la contestuale riduzione degli acquisti mensili del piano di QE hanno appagato gli operatori. La moneta unica si è deprezzata notevolmente verso le principali valute mondiali, fornendo un supporto all'azionario e a tutte quelle aziende volte all'export. A non aver apprezzato i toni accomodanti sono le banche, penalizzate dal contesto di rendimenti bassi.

Il risk on sui mercati nelle ultime ore ha trovato il sostegno anche delle trimestrali brillanti che sono arrivate da Alphabet, Microsoft e Amazon. Come se non bastasse, anche i dati sui profitti industriali in Cina a settembre hanno registrato il maggior balzo da quasi 6 anni.

Il clima positivo farà i conti oggi con la prima stima del Pil del 3° trimestre, previsto in rallentamento dal +3,1% rispetto al trimestre precedente, causa gli uragani che si sono abbattuti sulle coste Usa a inizio settembre.

Alla luce di ciò, in molti si chiederanno dove possa arrivare ora l'indice tedesco. Tra meno di un mese potremmo essere a 14 mila punti. Non vediamo al momento la presenza di rischi al ribasso sull'economia. Al di là del vivace contesto macro, negli Usa la riforma fiscale sembra essere più vicina e le tensioni in Corea del Nord si sono ridotte.

Qualche correzione potrebbe essere solo temporanea e rapprensenterebbe un'occasione per poter rientrare su livelli più bassi. Nel dettaglio, sotto 12.900 punti l'indice potrebbe andare a caccia del supporto collocato a  12.500.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.