Usd/Jpy, sussulto dollaro

Riprova il rimbalzo il biglietto verde contro lo yen dopo i cali di luglio e agosto. 

bg_japan_stocks_1389390
Fonte: Bloomberg

Il cambio USD/JPY, dopo aver aggiornato i minimi da novembre scorso a 107,30, sta recuperando velocemente terreno e oggi si è spinto ai massimi da quasi due mesi.

Cosa sta alimentando questo rimbalzo? La sensazione è che così come Trump ha penalizzato la divisa Usa negli ultimi mesi, proprio il presidente americano ci sarebbe dietro questo recupero. Nelle ultime due settimane, infatti, i segnali arrivati dall’amministrazione Trump sono sembrati più distesi. Le posizioni con il Congresso si sono avvicinate a tal punto che è stato raggiunto un accordo, seppur transitorio, sul tema delicato del debt ceiling, la cui scadenza originaria era fissata per il 30 settembre. Sulla questione si tornerà a dicembre e nel mentre non ci sarà nessuno shutdown delle attività statali.

Nel complesso, i toni tra Trump e Congresso sono sicuramente più distesi rispetto all’estate e nella mente degli operatori viene rispolverata l’ipotesi di una riforma fiscale, anche entro l’anno. L’ottimismo ha riportato un cauto risk on sui mercati e ha favorito il dollaro.

Sul fronte trading, il cambio ha rimbalzato su un supporto importante, costituito dall’ultimo ritracciamento di Fibonacci nell’ascesa partita dai minimi di settembre 2016 e culminata a dicembre. Qui passava anche la trend line (in rosso) che unisce i massimi di inizio anno con quelli di marzo, testato anche come supporto ad agosto. La forza del rimbalzo ha condotto il cambio ora al test di 111,50 (38% di Fibonacci). Il superamento di tale riferimento spalancherebbe la strada ai picchi di maggio e luglio, in area 114,40. La resistenza qui è forte dato che qui passa il primo ritracciamento di Fibonacci suddetto e dove sta convergendo anche la trend line ribassista di lungo periodo (in blu). Un target intermedio prima di quel livello è dato dalla trend line che unisce i massimi di inizio anno con quelli di luglio, in transito a 112,90.

Il cross potrebbe andare a cercarsi anche un test a 110. Solo un riposizionamento sotto tale riferimento potrebbe portare a una sensibile perdita di spinta, con target sui bottom di inizio mese. Il livello successivo è dettato dalla trend line in rosso.

La tendenza di lungo periodo rimane ribassista e rimane difficile al momento un superamento dei massimi estivi.

usdjpy_19sett
Fonte: piattaforma IG

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.