Usd/Inr ai minimi da agosto a 60

Prosegue il recupero delle valute emergenti verso il dollaro man mano che le tensioni sui questi paesi sembrano assopirsi.

Il recupero più importante è della lira turca che, all’indomani della vittoria schiacciante di Erdogan nelle elezioni amministrative di ieri, ha proseguito la fase di apprezzamento sia verso dollaro che verso euro. Il cross Eur/Try si è spinto sotto area 3, arrivando ai minimi dal 12 febbraio scorso, mentre il cambio Usd/Try sta oscillando sui minimi di fine 2013.

Bene anche la rupia indiana, che sta beneficiando del clima di favore che i mercati stanno riservando a questi Paesi. Proprio domani è atteso l’appuntamento di politica monetaria della Banca centrale (Reserve Bank of India, RBI), dove però non ci si attende nessuna manovra sul livello dei tassi (ora all’8%). Nonostante il recente rallentamento dell’inflazione (ora all’8,1%) la Banca centrale potrebbe decidere di attendere le elezioni di maggio prima di intraprendere una decisione sui tassi.

Il tasso di inflazione rimane ancora abbondantemente sopra il target fissato dal governo di Manmohan Singh. Inoltre, un eventuale accelerazione del tapering della Federal Reserve, potrebbe tornare a mettere pressione ai mercati emergenti, con le valute di questi paesi che potrebbero tornare a deprezzarsi in maniera veloce. Le incertezze, insomma, rimangono alte e l’attesa sarà la mossa migliore per la RBI.

Dal punto di vista tecnico, il cambio Usd/Inr si è portato la scorsa settimana a quota 60, livello che non vedeva da luglio 2013. Il supporto qui è molto importante, dato che passa l’ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci nell’ascesa partita a maggio 2013 e culminata a settembre. Da qui è partito un rimbalzo fisiologico. La prima resistenza rimane a 61,10-61,20, livello che ha sostenuto le quotazioni prima a dicembre e poi a inizio marzo. L’eventuale superamento di questa resistenza riproietterebbe le quotazioni verso 62,10 e poi a 64. Attenzione alla discesa sotto 60, che aprirebbe a una ulteriore fase di discesa verso 59, bottom di luglio.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.