Usd/Idr: dollaro si conferma forte dopo tapering, rupia sempre più debole

Al momento sulle nostre piattaforme di trading il cross usd/idr è scambiato a 12265. Solamente nel mese di dicembre il cambio ha mostrato un apprezzamento del 5% circa

L’ultima accelerazione rialzista del cambio è stata causata dalle decisioni della FED. Nei giorni scorsi il braccio operativo della banca centrale del paese a stelle e strisce (il FOMC) ha deciso, infatti, di lanciare il cosiddetto “tapering” ovvero il piano di riduzione graduale del piano di acquisti di titoli governativi da parte della Federal Reserve. I membri del Board hanno scelto di ridurre gli stimoli monetari all’economia di 10 mld di dollari al mese, diminuendo gli acquisti mensili da 85 a 75 mld di dollari.

Il dollaro inevitabilmente si è rafforzato sui mercati valutari sulla scia di un allentamento delle politiche monetarie espansive. Il dollar index è salito dai minimi di dicembre a 80 punti fino a 80,80 punti.

La rupia indonesiana è tra quei paesi emergenti che sta risentendo di più dell’inizio del tapering. Bisogna ricordare come nel paese erano affluiti numerosi capitali grazie all’aumento della liquidità provocato dalle banche centrali che aveva incentivato molti investitori a effettuare operazioni di carry trade alla ricerca di obbligazioni high yield. L’Indonesia (assieme a Turchia e Brasile) è stato uno dei principali paesi-obiettivo per chi ha iniziato operazioni di carry trade (ricordiamo come tali operazioni consistano in prendere a prestito valute di paesi con tassi d’interesse bassi per poi convertirle in divise di paesi dove è possibile investire in attività ad alto rendimento).

Dal punto di vista tecnico l’eventuale superamento delle resistenze in area 12300 potrebbe dare ulteriore spinta rialzista al cross per allungare in direzione degli obiettivi situati a 12500 e 13000. Segnali negativi giungeranno solamente con il cedimento di 11900, preludio a un possibile calo fino a 11700.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.