Usd/Cad: il nuovo “falco” Yellen fa segnare nuovi massimi annuali al cambio

Dopo il meeting del FOMC il cambio tra il dollaro statunitense e il dollaro canadese segna nuovi picchi annuali a 1,1272

Bel balzo del cross USD/CAD sulla scia delle dichiarazioni “hawkish” del nuovo governatore Janet Yellen. I membri del Board hanno scelto di mantenere i tassi d’interesse su livelli bassi e proseguire il processo di “tapering” per altri 10 miliardi di dollari. Il piano di quantitative easing  è stato cosi’ ridotto da 65 mld a 55 mld di dollari al mese. Sono stati diminuiti gli acquisti di Treasuries per 5 mld di dollari da 35 a 30 mld di dollari e quelli sui MBS (Motgage Backed Securities, titoli legati ai mutui) da 30 a 25 mld di dollari.

Nella conferenza stampa successiva alla decisioni il nuovo governatore Janet Yellen ha cambiato le “forward guidance”. La Yellen ha scelto di eliminare il livello del 6,5% (“threshold”) sul tasso di disoccupazione per continuare la “stance” accomodante con i tassi d’interesse su livelli bassi (0-0,25%). La Federal Reserve ora monitorerà una serie maggiore di dati che comprende le condizioni del mercato del lavoro, le pressioni inflazionistiche e le aspettative sull’inflazione di medio/lungo termine.

Le parole da falco sono pero’ arrivate durante la sessione di Q&A quando la Yellen ha specificato quando i tassi potrebbe essere rialzati alla fine del piano di quantitative easing. Nel comunicato era specificato un “considerable time” che la Yellen ha definito come minimo di 6 mesi. Queste dichiarazioni hanno portato a pensare che il termine del periodo di costo del denaro vicino allo zero potrebbe essere ben più vicino del previsto. Si credeva che i tassi d’interesse sarebbero stati incrementati nel quarto trimestre 2015 ora invece le attese sono per l’estate del 2015.

Il dollaro statunitense si è inevitabilmente apprezzato. Il dollar index è tornato ben al di sopra degli 80 punti.

Dal punto di vista tecnico il USD/CAD è tornato a mostrare segnali di forza importanti dopo la fase laterale evidenziata nel 2014. Il superamento della resistenza a 1,1224, picco del 31 gennaio, ha creato i presupposti per un allungo in direzione degli obiettivi situati a 1,14 e 1,1528. Discorso diverso in caso di cedimento del supporto a 1,09, preludio per una possibile flessione a 1,06.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.