Sterlina sotto scacco

Brusco risveglio di settimana per la sterlina in attesa della May.

bg_pound GBP sterling 10
Fonte: Bloomberg

E' stata una partenza di settimana abbastanza turbolenta per la sterlina, colpita dalle vendite in vista del discorso che il premier britannico, Theresa May, terrà domani alla Lancaster House di Londra.

A penalizzare la divisa britannica sarebbe stato un articolo pubblicato durante il week end sul Sunday Telegraph che, citando una fonte vicina alla May, ha dichiarato che la premier sarebbe pronta a sacrificare l’accesso al mercato unico pur di arrestare l’ondata migratoria oltremanica.

Nel suo discorso potrebbe essere annunciata anche una tempistica più dettagliata per l’adesione all’articolo 50 del trattato di Lisbona, che sancirebbe l’inizio delle trattative per la separazione definitiva dalla Ue, atteso per ora entro il 31 marzo.

Le probabilità che si configuri un’hard Brexit sembrano crescere giorno dopo giorno e questo aggiunge pressione alla sterlina, con gli investitori che ricalibrano le loro aspettative in proposito.

Dopo il flash crash di ottobre, la divisa britannica ha avviato un sensibile recupero grazie alle buone indicazioni macro che sono arrivate su più fronti, soprattutto dagli indici PMI servizi e manifatturiero. Anche i dati sulle vendite al dettaglio hanno dimostrato una buona tenuta, a scapito delle previsioni fatte prima del Referendum di giugno scorso.

Crediamo che tutta l’incertezza che ha caratterizzato il post voto (hard Brexit, soft Brexit, ritorno al voto, approvazione Parlamentare prima di invocare l'art. 50 e così via) ha lasciato le imprese (soprattutto finanziarie) prive di punti di riferimento certi. Così molte di queste hanno adottato un approccio day by day in attesa di sviluppi più chiari.

In questo contesto, notizie a favore di hard Brexit o soft Brexit spingono gli operatori a ricalibrare le loro aspettative con effetti anche marcati sui mercati finanziari.

Cercare di prevedere gli effetti di un’hard Brexit sull’economia rimane abbastanza difficile. Una recessione sembra essere scontata, anche durata ed entità dipenderanno anche dalla congiuntura globale (che al momento ha fatto scommesse su Trump).

Sui mercati finanziari, il termometro principale rimarrà la sterlina, il cui deprezzamento potrebbe riprendere a ritmi sostenuti. I minimi segnali dal flash crash di ottobre rimangono un target ottimistico. Ci aspettiamo che il deprezzamento possa essere importante quanto sarà più profonda la spaccatura tra Ue Regno Unito, soprattutto verso il biglietto verde.

Nello scenario peggiore, il IN_GBPUSD potrebbe arrivare sino a 1,12, mentre il cross IN_EURGBP potrebbe arrestarsi verso area 0,95.

L'inflazione importata dal Paese, causa la sterlina troppo debole, potrebbe impedire alla Bank of England di essere più accomodante.

Intanto, i massimi storici che continua a battere il FTSE 100 rimangono ancora per lo più guidati dalla debolezza della divisa britannica e non legati a una forza intrinseca delle aspettative degli investitori.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.