Sterlina ancora in bilico

I negoziati sulla Brexit appesantiscono la divisa britannica.

bg_pound GBP sterling 09
Fonte: Bloomberg

Torna a perdere terreno la divisa britannica verso le principali valute mondiali in scia all’incertezza sulla Brexit. Il Parlamento europeo ha bocciato stamane la proposta britannica sulla cittadinanza Ue per coloro che l’hanno richiesta dopo il referendum sulla Brexit.

Il tema è stato fortemente criticato da Bruxelles che ha respinto così la proposta di Londra. Allo stesso tempo, il Parlamento ha ribadito che non ci sarà nessuno slittamento della scadenza dei negoziati prevista per il 30 marzo 2019, dato che dopo due mesi sono previste le elezioni dell’europarlamento.

Quindi, a circa un mese dalla partenza dei colloqui, il clima tra Londra e Ue è già infuocato. E a risentirne è la sterlina, appesantita dalle vendite anche questa mattina.

Il cambio GBP/USD è tornato a 1,2850, dopo aver fallito il secondo aggancio di 1,30 la scorsa settimana. Il canale discendente in essere da inizio mese non promette nulla di buono nelle prossime settimane. Un cedimento della parte bassa del canale potrebbe addirittura accelerarne la discesa verso 1,26, bottom di giugno.

Più chiare e definite sono le prospettive sull’EUR/GBP, che da qualche settimana ormai sosta vicino alla parte alta del rettangolo creatosi a inizio anno. Il cambio sembra essere sostenuto ora anche dalla trend line rialzista che unisce i minimi di fine 2015 con quelli di metà 2016, violata a cavallo di aprile e maggio. Se dovesse lasciarsi alle spalle 0,8870-0,8880 la corsa potrebbe puntare dritto a 0,9430, picchi del flash crash di ottobre scorso e proiezione dell’ampiezza del rettangolo dal punto di break out. Delle conferme arriverebbero con il superamento di 0,9050.

Qualche perplessità arriverebbe da un cedimento della trend line suddetta, in transito ora a 0,8760. Il primo supporto è a 0,86, al di sotto del quale la discesa potrebbe proseguire verso 0,83, supporto strategico di lungo periodo. I tre tentativi di avvicinamento a questo livello nell’ultimo anno sono sempre falliti, elemento questo che ne accresce l’importanza. Non ci aspettiamo, pertanto, discese sotto tale livello al momento.

eurgbp_10 lug

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.