NFP PREVIEW: domani cifre sul mondo del lavoro, attese per una creazione di 215k

Riflettori dopo la BCE si spostano verso gli States e nel dettaglio verso il BLS e i dati sull'occupazione

Alex Wong/Getty Images

Nella giornata di oggi avremo tutto il tempo per valutare e esaminare attentamente tutte le manovre promosse della BCE. Domani tuttavia l'agenda macro ci propone un altro dato macroeconomico non dall'Europa ma dagli States. Nel paese a stelle e strisce il Bureau of Labor statistics comuncherà alle 14,30 italiane le cifre sui non farm payrolls e il tasso di disoccupazione di maggio. Le attese del consensus sono fissate a 215 mila nuovi posti di lavoro creati nei settori non agricoli, in forte flessione rispetto ai 288k creati a aprile. Il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 6,4% dal 6,3% del mese precedente.

Riteniamo che un dato superiore alle 200k possa dare comunque continuità al buon andamento del mercato del lavoro statunitense. Solamente cifre inferiori a 200k e soprattutto sotto le 100k potrebbero creare qualche perplessità a Janet Yellen sulle prossime mosse di politica monetaria. Il prossimo meeting del Board è previsto per il 17/18 giugno e ci aspettiamo al momento un proseguimento del tapering. Ricordiamo che dalla prossima riunione ci sarà almeno un nuovo membro votante ovvero l'ex presidente della banca centrale israeliana Stanley Fischer (entrato nel Board of Governors dal 28 maggio scorso e avrà un mandato che scadrà nel 2020). Non è stata invece ancora confermata la nomina di Lael Brainard e il rinnovo del mandato di Jerome H. Powell.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.