NFP: a marzo +192k, disoccupazione al 6,7%, tapering proseguirà senza pause

Luci e ombre sui dati ma mercati azionari sono entusiasti 

I nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli in Usa a marzo sono saliti di 192 mila unità, contro le 200 mila attese. Il tasso di disoccupazione si è attestato al 6,7% (consensus 6,6%). Sono stati rivisti al rialzo i dati di gennaio (a +144 mila unità da +127 mila) e quelli di febbraio (a +197 mila da +175 mila). In totale sono stati aggiunti ai due mesi precedenti 37 mila nuovi impieghi. La media dei nuovi posti di lavoro nei primi tre mesi sale così a 178 mila unità superiore alle aspettative (fissate per una media a tre mesi pari a 167,3) ma inferiore al livello desiderato dalla FED (200k). Il tasso di partecipazione alla forza lavoro è salito al 63,2% dal 63,0%. Il tasso di disoccupazione giovanile al 20,9%.

Luci e ombre sui dati sul mondo del lavoro. E’ da considerare molto positiva la revisione al rialzo delle cifre dei mesi precedenti che ha portato la media dei primi 3 mesi del 2014 ad avvicinarsi al livello minimo richiesto dalla banca centrale del paese a stelle e strisce. Altro elemento incoraggiante è la crescita del tasso di partecipazione al mondo del lavoro. Delude invece il dato di marzo che si è attestato nella parte bassa del range delle attese (190-215k). Ci si aspettava molto di piu’.

Riteniamo che l’uscita di queste cifre non abbia cambiato le prospettive sulle prossime politiche monetarie della FED. Crediamo infatti che i membri del Board guidati da Janet Yellen proseguiranno con il processo di “tapering” riducendo di ulteriori 10 miliardi di dollari gli acquisti mensili di titoli governativi.

La reazione sul mercato valutario è stata molto contrastata. Il cambio euro/dollaro ha mostrato oscillazioni importanti ma per poi attestarsi appena al di sopra dei valori pre-dato. Il dollaro ha perso anche contro yen. Positivi invece gli effetti sul mercato azionario.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.