Gbp/Usd: sterlina forte contro dollaro a 1,64, c’e’ ancora spazio per salire?

Il cable è tornato a mettere pressione sulla resistenza a 1,6440, livello che ieri aveva fermato la corsa del cross valutario

La divisa UK continua a evidenziare segnali di forza. E’ da molto tempo che diffondiamo la nostra view rialzista sulla valuta della Gran Bretagna poiché pensiamo che la Bank of England sarà una delle prime banche centrali dei paesi industrializzati a rendere meno accomodante la propria politica monetaria.

Giovedì scorso il numero uno della Bank of England Mark Carney aveva comunicato l’introduzione di una prima misura restrittiva in politica monetaria, rivedendo il Funding for Lending Scheme. Questo piano lanciato nell’estate 2012 per riequilibrare il mercato del credito consiste nella concessione di prestiti a tassi agevolati a quelle banche che avrebbero reimmesso nel sistema la liquidità in eccesso attraverso mutui alle famiglie e prestiti alle piccole/medie imprese. Le autorità monetarie della Gran Bretagna hanno deciso di rivedere tale piano, togliendo i prestiti ai tassi agevolati per l’acquisto di case (il settore immobiliare ha evidenziato un forte aumento dei prezzi delle abitazioni) concentrando il FLS solamente verso le piccole/medie imprese. In settimana abbiamo la riunione del Monetary Policy Committee della Bank of England. Le nostre aspettative sono fissate per una conferma dei tassi d’interesse allo 0,50% e del piano di quantitative easing a 375 mld di sterline. Riteniamo, tuttavia, che nei prossimi mesi la politica monetaria della Bank of England diventerà sempre meno accomodante grazie alla ripresa economica del paese (ultime cifre macroeconomiche molto positive). Solamente oggi ottimo dato sul settore delle costruzioni UK (indice PMI sul comparto delle costruzioni pubblicato da Markit Economics)

Venerdì poi sarà il turno delle cifre macroeconomiche sul mondo del lavoro statunitense che potrebbero dare indicazioni importanti sulle prossime mosse della Federal Reserve in materia di “tapering” (ovvero di diminuzione graduale del piano d’acquisto di titoli governativi da parte della banca centrale del paese a stelle e strisce).

Dal punto di vista tecnico il superamento di 1,6440 rilancerà la spinta rialzista del cross, creando i presupposti per un allungo in direzione degli obiettivi situati a 1,6620, picco dell’agosto 2011 e proiezione dell’ampiezza della fascia orizzontale che aveva contenuto l’andamento del cambio tra ottobre e fine novembre. Timide indicazioni di debolezza giungeranno con il cedimento di 1,6260 possibile preludio a un calo verso 1,59, livello strategico di breve periodo.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Borse e prezzi

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Tipologie di ETP

    Scoprite come gli ETP (Exchange Traded Products, ossia prodotti a indice quotati) riuniscono le migliori qualità di diversi veicoli d'investimento. Studiate i vari tipi di ETP e la vasta gamma di mercati sui quali potete negoziare.

  • Stop

    Imparate come aprire e chiudere una posizione, scegliendo tra la semplice contrattazione immediata e le istruzioni impartite automaticamente per negoziare in vostra assenza. Gli ordini possono aiutarvi ad assicurarvi dei profitti o a proteggervi dalle perdite: scopritene i vari tipi e guardate come utilizzarli.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.