Fine della corsa dell’euro?

Due sedute particolarmente negative per il cambio eurodollaro, possibile inversione di tendenza?

bg_euro_1411603
Fonte: Bloomberg

Dopo aver toccato un massimo annuale in area 1,1446 il cambio eurodollaro ha evidenziato una fase ribassista che ha mostrato un accelerazione negativa in questa ottava. Nelle ultime due sessioni il cambio EURUSD è sceso di quasi un punto percentuale da 1,1430 a 1,1340.

Siamo quindi arrivati alla fine della corsa della moneta unica? Quanto è probabile una inversione del trend rialzista di fondo?

Riteniamo che al momento il ribasso dell’euro possa essere considerato fisiologico dopo i forti balzi evidenziati negli scorsi mesi. La moneta unica da inizio anno è stata sostenuta dalla diminuzione dei consensi dei movimenti populisti anti-Europa, dalla grande vittoria di Macron alle elezioni presidenziali francesi e dagli ottimi dati macroeconomici pubblicati nel Vecchio Continente.

Proprio ieri Markit Economics ha pubblicato le cifre finali sul settore manifatturiero nel Vecchio Continente che hanno mostrato massimi degli ultimi 6 anni.

La BCE di Draghi dovrà presto discutere le exit strategies per le politiche monetarie accomodanti. Riteniamo che nel secondo semestre possano aumentare le pressioni della Germania per cambiare politica monetaria.

Da un punto di vista grafico il cambio eurodollaro non ha evidenziato, al momento, indicazioni concrete di debolezza e il recente ribasso è da considerarsi ancora fisiologico dopo la forte accelerazione rialzista che aveva portato i principali oscillatori di prezzo in una situazione di ipercomprato. Il mantenimento al di sopra del supporto a 1,1285 mantiene inalterate le prospettive grafiche rialziste di medio/breve termine. Conferme sopra 1,14 per obiettivi a 1,1450 e 1,15. Discorso diverso in caso di rottura del menzionato sostegno di 1,1285 preludio a un possibile calo verso 1,1120.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.