EurUsd congestiona in area 1,18

Il cambio più importante del mondo resiste alle vendite, dopo i recenti sviluppi sulla riforma fiscale.

bg_eurusd_713964
Fonte: Bloomberg

Si difende in area 1,18 il cambio Euro/Dollaro dopo l’approvazione della riforma fiscale al Senato statunitense del week end scorso. La riforma è arrivata ora alla Camera, dove dovrà essere allineata alla versione approvata dalla stessa Camera a novembre. Ad ogni modo, quello del Senato era lo scoglio più importante e la strada dovrebbe essere in discesa ora.

Nonostante la portata della riforma, il biglietto verde non ha recuperato molto terreno, questo perché gli investitori temono dei contraccolpi sul debito derivanti dalla stessa riforma.

Sul fronte politico, la situazione appare delicata anche in Europa. Durante il week end si terrà un'assemblea dell'SPD che dovrà decidere se sostenere un nuova Grande coalizione con la CDU di Angela Merkel. In caso di un voto contrario, l'euro potrebbe indebolirsi la prossima settimana.

Proprio la prossima settimana l'attenzione si concentrerà sulle decisioni della Federal Reserve e della Bce. Se la prima alzerà con ogni probabilità i tassi d'interesse, la seconda dovrebbe rilasciare qualche dettaglio in più in merito alla revisione del QE elaborata ad ottobre. Per Janet Yellen sarà l'ultima conferenza stampa di politica monetaria prima di lasciare l'incarico a febbraio prossimo.

Tutti questi fattori potrebbero mantenere il cambio in un'area di congestione compresa tra 1,17 e 1,20 fino a fine anno. Solo una discesa sotto 1,17 potrebbe creare dei presupposti per un'estensione dei cali verso 1,15-1,14.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.