Eur/Usd rivede 1,17 dopo dati tedeschi e rumors BCE

La corsa dell'euro potrebbe arrivare anche a 1,20.

Mario_Draghi
Fonte: Bloomberg

Recupero importante per l’euro stamane, con il cambio Eur/Usd che è tornato sopra 1,17 per la prima volta da 10 sedute a questa parte. A muovere la moneta unica sarebbero stati principalmente due fattori, tra cui alcune indiscrezioni trapelate dalla Bce e i dati macro tedeschi.

Sul primo punto, alcuni esponenti avrebbero dichiarato a Bloomberg che sarebbe tardi alzare i tassi a fine 2019, aumentando di fatto la probabilità di un rialzo a settembre. Un’indicazione questa in linea con quanto emerso nell’ultima riunione della Bce, dove Mario Draghi ha dichiarato che nessuna manovra ci sarà prima dell’estate del 2019. Sarà quindi lo stesso Mario Draghi a dare avvio a un rialzo dei tassi prima che il suo mandato termini (31 ottobre 2019), probabilmente attraverso un ritocco dei tassi sui depositi.

Un contributo positivo è arrivato anche dagli ordini all’industria tedesca di maggio, saliti ben oltre le attese (+2,6%). Si tratta del primo segno positivo del 2018, dopo 4 mesi di cali consecutivi, guidati per lo più da una ripresa della domanda interna e dall’eurozona, mentre sono risultati in calo gli ordini extra Ue (-1,3%). È troppo presto per dire se il dato tedesco di stamane rappresenti la luce in fondo al tunnel dopo le indicazioni deboli di questa prima parte dell’anno.

Il tema dazi potrebbe peggiorare le prospettive di crescita globale, Germania inclusa. A confermarlo è stato anche il FMI che ha tagliato le stime sul Pil tedesco al 2,2% dal 2,5% nel 2018, a fronte di un rialzo di 0,1% punti percentuali per il 2019 (al 2,1%).

Nonostante il rialzo di oggi, il mercato rimane suscettibile di nuovi cali a poche ore dall’entrata in vigore dei dazi Usa verso la Cina. Importanti saranno anche i dati macro in arrivo proprio dagli Usa, su cui spiccano i NFP.

Il cambio EUR/USD per ora è stato frenato dalla presenza di una resistenza collocata a 1,1720, dove passa il primo ritracciamento di Fibonacci nella discesa partita dai picchi di aprile e culminata a 1,15. Il superamento di tale riferimento aprirebbe la strada a 1,1850, massimi di giungo e da qui a 1,20-1,2070, target importante di medio periodo.

Raggiunto quel livello, una ripartenza delle vendite potrebbe indicare la possibile formazione di un testa-spalle ribassista (spalle a 1,20-1,21, testa a 1,2550 e neckline a 1,15). Il target di lungo periodo sarebbe 10 figure più in basso, anche se è ancora molto presto per dirlo.

Nell’immediato, un tentativo di ribasso si riaprirebbe sotto 1,1630, con target a 1,1520-1,1500, supporto strategico di medio lungo periodo, al di sotto del quale il mercato potrebbe scivolare a 1,12.

EURusddaily

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.