Eur/Usd inarrestabile

Il cambio è arrivato ai massimi da dicembre 2014.

bg_eurusd_96
Fonte: Bloomberg

Non accenna a fermarsi l'euro/dollaro, che questa mattina ha proseguito la sua corsa verso 1,23, nuovo massimo da dicembre 2014. La moneta unica sembra continuare a risentire di diversi fattori di fatto legati tra loro:

  1. le ottime indicazioni macroeconomiche che continuano a giungere dagli indicatori anticipatori;
  2. una revisione del programma di acquisto asset della Bce, con il termine che potrebbe essere fissato a settembre prossimo, con una revisione della forward guidance (attualmente è stata lasciata aperta la possibilità di un rinnovo oltre tale data).

A sostenere quest'ultima ipotesi è stato anche il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, che in una recente intervista ha precisato come sia importante fissare una data di fine del QE. Nonostante tutto, crediamo che per un ritocco dei tassi sia necessario attendere il 2019, sebbene le aspettative incorporate in alcune strutture a termine inizino a supportare l'ipotesi di un rialzo già a dicembre prossimo.

Oltre alla forza intrinseca della moneta unica, il balzo dell'euro/dollaro sembra essere guidato anche da una certa debolezza del biglietto verde, che oggi sta aggiornando i minimi di periodo verso le altre valute mondiali. Il cambio GBP/USD si è presentato a 1,38, massimi dal referendum sulla Brexit, mentre quello USD/JPY è scivolato a 110,50, livelli di settembre scorso.

Complice di ciò, il Dollar index è tornato a 90 punti, minimi da dicembre 2014, dove passa un supporto molto importante. Ma chi e perché stanno vendendo dollari?

Le ragioni potrebbero essere diverse. I timori di shutdown dopo il superamento del debt ceiling e i dubbi sulla riforma fiscale sembrano essere dei buoni motivi per vendere dollari. Un fattore importante potrebbe risiedere anche nel prossimo cambiamento di atteggiamento della Bce, che spinge gli investitori a pensare a un prossimo rialzo tassi nell'area euro. Il biglietto verde non sembra opporre resistenza a tale atteggiamento, anche per via del fatto che oggi gli operatori statunitensi sono assenti per la festività del Martin Luther King Day.

Le nostre aspettative sono per una prosecuzione del rally dell'Euro/Dollaro per l'anno in corso, con obiettivi collocati a 1,25-1,27, anche se il violento ipercomprato generatosi nell'ultima settimana potrebbe portare a qualche presa di profitto temporanea.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.