Eur/Usd: si attesta a 1,3640 in attesa delle vendite al dettaglio di domani

Il cross tra la divisa europea e il dollaro statunitense ha mostrato ieri dopo le affermazioni del nuovo presidente del Federal Reserve System, Janet Yellen, un po' di volatilità

Ha evidenziato, infatti, un rialzo fino a toccare la resistenza statica in area 1,3680 per poi perdere forza.

Ieri abbiamo assistito alla prima audizione dinanzi alla Commissione dei Servizi Finanziari della Camera dei Rappresentati del neo governor dell’istituto centrale USA. Nelle dichiarazioni al Congresso l’ex presidente della FED di San Francisco ha dato respiro ai mercati, confermando che proseguirà le linee guida in politica monetaria promosse dal suo predecessore, Ben Bernanke.

La “stance” della banca centrale resterà accomodante almeno fino a quando il tasso di disoccupazione sarà sceso ben al di sotto del 6,5%, avvalorando l’ipotesi che il costo del denaro rimarrà su livelli bassi (0-0,25%) per un prolungato periodo di tempo. Solamente nel secondo semestre 2015 si potrebbe vedere il primo aumento dei tassi di interesse. Il presidente FED ha sostenuto che il quantitative easing (piano di acquisti di titoli governativi al momento pari a 65 mld di dollari al mese) continuerà a essere tagliato in maniera graduale (tapering, diminuzione per 10 mld di dollari al mese) ma solamente se le cifre macroeconomiche procederanno come previsto. La Yellen ha, inoltre, ha affermato che la ripresa sul fronte occupazionale è lontana dall'essere completa.

La nostra view è che se le prossime cifre sulla creazione di posti di lavoro dovessero registrare un aumento molto debole (inferiore ai 100k) la Yellen e gli altri membri votanti della commissione operativa della FED potrebbero scegliere di interrompere temporaneamente il tapering (prossima riunione del FOMC 18-19 marzo).

Dal punto di vista tecnico, dopo aver toccato la resistenza a 1,3680, 50% del ritracciamento di Fibonacci della flessione dai top dello scorso dicembre, il cross ha registrato un return move verso il supporto in area 1,3640. Per alimentare le pressioni rialziste l’eurusd dovrà superare gli ostacoli a 1,3680, condizione che getterebbe le basi per un’ascesa verso 1,3740 e 1,3820. Discorso diverso, invece, con la rottura di 1,3550, preludio a una possibile flessione a 1,3480.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.