Eur/Usd, pronto a sferrare l'attacco a 1,26?

bg_eurusd_1084361
Fonte: Bloomberg

Prova a riportarsi sopra 1,24 il cambio Eur/Usd, reduce da un buon recupero da inizio settimana. A muovere il cambio più importante del mondo sembrano essere due fattori: da un lato, le dichiarazioni di Nowotny di ieri, e dall'altro, un generale deprezzamento del biglietto verde in scia ai toni più distesi tra Usa e Cina.

Sul primo punto, gli operatori sembrano aver dato peso alle parole del numero uno della Banca centrale austrica, con le aspettative del mercato che sembrano considerare l'ipotesi di un rialzo dei tassi sui depositi (da -0,4% a -0,2%) probabilmente tra dicembre 2018 e gennaio 2019, prima di muovere il tasso di rifinanziamento principale (Mro). A poco o nulla sono servite le smentite della Bce, che tramite un suo portavoce, ha fatto sapere che quelle di Nowotny sono opinioni personali e non riflettono la view del Consiglio direttivo. Nessuno spunto di rilievo è arrivato da Draghi, intervenuto oggi a un convegno a Francoforte.

Graficamente il cambio Eur/Usd sta tentando di riportarsi sopra 1,24. Una chiusura sopra tale riferimento potrebbe aprire a un'accelerazione in direzione di area 1,2550-1,2560. Al momento la resistenza più importante è poco sopra 1,26, dove passa la trend line di lunghissimo periodo che unisce i massimi del 2008 e del 2014. Potrebbe essere la volta buona per il cambio di raggiungere tale livello, dopo il recente test effettuato sulla trend line che sta sostenendo la corsa dalla primavera dello scorso anno. La resistenza qui è molto forte e un tentativo di rottura immediato potrebbe verificarsi solo con uno spike violento, destinato poi a rientrare.

Al ribasso, l'area di supporto principale continua ad essere rappresentata proprio dalla suddetta trendline, che unisce i minimi di aprile, novembre e dicembre 2017. Solo sotto tale riferimento, ora a 1,2260, potremmo assistere a uno scivolone verso 1,20.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.