Eur/Jpy respinge il test ai minimi

Il cambio torna stabilmente sopra 130, ma non è ancora fuori pericolo.

bg_eurjpy_1084363
Fonte: Bloomberg

Si riporta sopra area 130 il cambio EUR/JPY, in scia con il ritorno dell'ottimismo sui mercati finanziari. Il sentiment degli operatori è migliorato sensibilmente dopo i dati di venerdì sul mondo del lavoro statunitense. L'ottimismo, però, sembra essere in parte stemperato dalle continue dichiarazioni che arrivano dalla guerra commerciale scatenata da Trump. Diversi Paesi, tra cui la Ue si sono schierati contro i dazi degli Usa sull'acciaio e sull'alluminio. A questo punto, gli investitori iniziano a temere che queste misure potrebbero sfociare in una spirale protezionistica che indebolirebbe la crescita economica a livello globale.

Graficamente, la discesa del cambio di febbraio si è arrestata su un supporto interessante, rappresentato dalla linea che unisce i massimi della prima parte del 2017, in transito poco sotto 130. La buona risposta del cambio ha allontanato il pericolo di nuovi imminenti cali, anche se non può dirsi ancora fuori pericolo. É necessario che il cambio torni stabilmente sopra 132 perché ciò avvenga. Questa eventualità aprirebbe a un ritorno in direzione di 137.

Indicazioni di debolezza arriverebbero con un cedimento dei minimi della scorsa settimana, con primo target a 126, minimi assoluti del 2015 e massimi di maggio 2017. Questo livello è strategico per evitare che il cambio si lasci andare alle vendite massicce. Il target naturale sarebbe collocato sulla trend line di lunghissimo periodo che unisce i minimi del 2012 con quelli del 2016, ora in transito a 118. Qui il cambio chiuderebbe il gap up lasciato aperto lo scorso anno subito dopo il voto in Francia.

EURJPY-Settimanale

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.