Dollaro canadese sotto pressione su protezionismo Trump

Il cambio USD/CAD è salito ai massimi da luglio scorso dopo ennesime minacce Trump sul commercio globale.

bg_cadusd_806535

Continua a deprezzarsi il dollaro canadese verso le principali valute mondiali, biglietto verde incluso. A penalizzare la divisa canadese negli ultimi giorni sono state le dichiarazioni di Trump, che ha annunciato l'introduzione di una serie di dazi sull'importazioni di acciaio e alluminio. Nonostante la risposta della comunità internazionale, nel weekend Trump ha rincarato la dose, parlando di possibili dazi anche sull'import di auto non statunitensi.

La notizia non è stata accolta bene dal mercato, con il Dow Jones atteso in calo in apertura. Anche i dati macro rilasciati venerdì non hanno entusiasmato, con la crescita che ha mostrato segnali di rallentamento nel 4° trimestre (+1,7% da 2%). Le nuove misure di Trump potrebbero minacciare ulteriormente la crescita. Basti pensare che il 75% dei beni esportati dal Canada finisce negli Usa.

A questo punto, la Bank of Canada dovrebbe ripensare alla sua politica monetaria restrittiva, avviata lo scorso anno e che ha visto già 3 rialzi dei tassi d'interesse (ora all'1,25%).

Il cambio USD/CAD sta ora mettendo pressione all'area di 1,2930, massimi allineati degli ultimi 4 mesi e secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nella discesa dai picchi di maggio scorso. Il superamento di tale riferimento potrebbe spalancare le porte a 1,38 (picchi del 2017), dove sta convergendo la trendline che unisce i minimi di maggio 2015, aprile 2016 e febbraio 2017. Conferme arriverebbero sopra 1,31. Il supporto più interessante è a 1,2750, al di sotto del quale si assisterebbe a una sensibile perdita di spinta.

USDCAD-Settimanale

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.