Dollar Index andamento altalenante dopo cifre macro contrastate

Il dollar index, che nel mese di luglio aveva mostrato una forte accelerazione rialzista, ha registrato nelle ultime due sedute una fase di consolidamento

bg_us_dollar_1205681
Fonte: Bloomberg

Dai minimi di inizio luglio a 79,80 circa l'indice è salito fino a un massimo ieri a 80,66 per poi oscillare attorno a quota 80,60

Ieri le cifre macroeconomiche negli Stati Uniti sono state molto divergenti. Deludente dato sul settore immobiliare. I nuovi cantieri residenziali a giugno sono risultati pari a 893 mila unità, minimo degli ultimi nove mesi e livello ben inferiore alle attese di mercato (1,02 mln di unità). Rivisto al ribasso anche il dato di maggio a 985 mila unità. Molto deludente anche il dato prospettico sulle licenze edilizie attestatesi a 963k (consensus 1037k). Una battuta d’arresto particolarmente importante per il comparto immobiliare. Le cifre sono molto deludenti soprattutto negli Stati Meridionali dove i nuovi cantieri residenziali sono scesi a 375 mila unità, livello più basso degli ultimi due anni. Ricordiamo come la Federal Reserve dopo aver lanciato l’ultimo piano di QE abbia sempre monitorato da vicino sia il mondo del lavoro che il comparto “real estate”.  La stessa Janet Yellen, governatore della FED, ha ricordato come i progressi nel mercato immobiliare siano stati inferiori alle previsioni. 

Le altre cifre macroeconomiche sono state invece positive. Le richieste di sussidi di disoccupazione sono risultate inferiori alle attese e l’indice della FED di Philadelphia è salito da 17,8 a 23,9 punti nel mese di luglio (livello più alto da marzo 2011).  Riteniamo molto interessante l’indice della FED di Philadelphia perché conferma già i dati evidenziati martedì pomeriggio dall’Empire Manufacturing Index dell’area di New York. Il settore manifatturiero americano mostra quindi importanti segnali di ripresa. 

Un bel rompicapo per il numero uno della FED. Per le colombe le argomentazioni per lasciare i tassi su livelli bassi per un lungo e prolungato periodo di tempo sono principalmente due: prezzi al consumo e comparto real estate. L’inflazione è ancora ampiamente sotto il 2%, il settore immobiliare evidenzia risultati abbastanza deludenti. I falchi invece insisteranno sui notevoli progressi che ha fatto l’economia statunitense negli ultimi 12 mesi e i rischi di bolle finanziarie che si stanno creando su molti settori, legate alle politiche monetarie espansive. 

Noi crediamo che i membri del Board decideranno di anticipare il rialzo del costo del denaro  dal 2T 2015 al 1T 2015. Stimiamo che la FED inizierà a incrementare i tassi a inizio del prossimo anno gradualmente di 25 punti base. Ci aspettiamo a fine 2015 i tassi sui FED Funds all’1%.

Oggi nel pomeriggio saranno comunicati l'indice di fiducia dei consumatori di luglio calcolato da Reuters/Università del Michigan (consensus 83 punti) e i leading indicators di giugno (consensus 0,5%).

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.