Corona svedese in forte deprezzamento dopo taglio tassi RiksBank

La divisa scandinava risente della decisione della Banca centrale del Paese (RiksBank) di tagliare i tassi allo 0% dal precedente 0,25%. 

bg_swedish_krona_1219673
Fonte: Bloomberg

Nel comunicato, la RiksBank ha precisato che, nonostante l’attività economica rimanga forte e continui a migliorare, le pressioni inflattive sono troppo basse. Da qui la decisione di abbassare i tassi di riferimento per riportare l’inflazione verso il target del 2%. I tassi dovrebbero rimanere a questo livello almeno sino a metà del 2016, mentre a fine 2017 dovrebbero attestarsi all’1,75%.

Sebbene il mercato stesse scontando già un taglio del costo del denaro, l’entità della riduzione sembrerebbe essere maggiore rispetto a quella attesa (-25 punti base contro -15pb attesi). In questo modo la RiksBank diviene l’Istituto centrale con i tassi di riferimento più bassi in Europa.

La corona svedese si è deprezzata verso tutte le valute dopo la notizia. Addirittura il cambio Usd/Sek si è spinto ai nuovi massimi da agosto 2010, in area 7,35. Rimane concreta la possibilità di vedere questo cross in area 7,50, da qui a qualche seduta, soprattutto se dovesse arrivare dalla Federal Reserve un atteggiamento meno accomodante domani sera. Violento movimento anche per il cambio Eur/Sek, che si è portato rapidamente ai massimi dal 3 luglio dopo il comunicato.

Dal punto di vista tecnico, questo cross rimane in essere per raggiungere area 9,40, picchi di luglio scorso. Il target successivo rimane collocato a 9,55, secondo dei ritracciamenti di Fibonacci nella discesa partita nel 2009. Difficile che si vada oltre, viste le aspettative accomodanti della Bce. Possibili discese potrebbero condurre il cambio verso 9,14, dove il cambio ha sostato durante l’estate. L’eventuale cedimento di questo livello potrebbe alimentare discese in direzione del supporto strategico di breve periodo collocato a 9,05 (bottom di ottobre).

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.