Cable ai minimi da oltre 7 mesi

Tornano le tensioni sulla Brexit e la Bank of England rincara la dose.

bg_gbpusd_618365
Fonte: Bloomberg

Rimane sotto pressione la sterlina, che perde terreno verso le principali valute mondiali in scia ai rinnovati timori sulla Brexit. Se ieri a penalizzare la divisa britannica sono stati i timori di un mancato accordo definitivo man mano che il tempo passa, oggi invece è stata la Bank of England (BoE) ad aggiungere tensione alla sterlina. 
In un sondaggio alle imprese, la BoE ha sottolineato come sia aumentato lo scetticismo tra gli imprenditori riguardo al processo della Brexit.

I principali timori riguardano quindi due aspetti:
1. la mancanza di un accordo al 30 marzo 2019, che potrebbe portare a un processo di uscita disordinato;
2. un deterioramento dell'economia peggiore delle attese anche in caso di accordo.

Ovviamente il primo è quello più in grado di impattare sul sentiment degli operatori, ma va comunque sottolineato che lo scenario base non sembra essere certo entusiasmante per il Paese oltremanica. Tornando ai negoziati tra UK e UE, la situazione sembra aver raggiunto un punto di stallo. Dopo i progressi fatti sull'ammontare dell'assegno di divorzio e sul periodo transitorio, le trattative si sono arenate sulla questione dei borders in Irlanda. Un punto non secondario che potrebbe far rischiare quanto fatto di buono sinora.

Ad ogni modo, le nostre aspettative di medio lungo periodo rimangono ribassiste sulla sterlina sia verso dollaro che verso euro.

Graficamente, il cambio GBP/USD si è allontanato rapidamente dai massimi toccati poco sotto 1,44 due mesi fa e si accinge a chiudere il terzo mese di fila con il segno meno. Il cross è arrivato ora a sulla soglia di 1,30 e si accinge a testare il supporto dettato dalla trend line che unisce i minimi di ottobre 2016 con quelli di gennaio e marzo 2017. Il cedimento di questo livello potrebbe aprire a uno scivolone in direzione della linea che unisce i massimi decrescenti del 2014, 2016 e 2017 (in blu), che incrocia ora anche l'ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci nell'ascesa di inizio anno (1,2790-1,2800). Solo con un cedimento di tale riferimento le prospettive si deteriorerebbero in maniera drastica aprendo di fatto a un ritorno a 1,20.

Un possibile rimbalzo ora potrebbe aprire a un ritorno a 1,32. Il livello importante successivo è a 1,35, livello difficile da rompere al momento.

GBPUSD-Settimanale

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Driver dei mercati delle commodities

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Fare Trading con i CFD

    In questa sezione vi presentiamo un'introduzione al trading con i CFD (Contratti per Differenza) e al funzionamento di questo strumento, attraverso esempi e vantaggi nell'operare con i CFD. Inoltre esamineremo i relativi costi e i requisiti di finanziamento.

     

  • Mercati Forex

    Scoprite come funziona il mercato finanziario più grande e più liquido del mondo. Spiegheremo come avviene la negoziazione delle valute estere e vi forniremo le nozioni indispensabili per accedere a questo importante mercato.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.