Brexit, accordo a un passo, la sterlina recupera terreno

La divisa britannica ai massimi da due mesi verso dollaro e da 3 settimane verso euro.

bg_london_canary_wharf_1368057
Fonte: Bloomberg

Nella notte alcune fonti media hanno reso noto che la presenza di un accordo di massima tra il Regno Unito e l’Unione europea, che prevedrebbe 100 mld di euro di passività a carico del Regno Unito, con un esborso monetario netto che dovrebbe aggirarsi intorno ai 45 miliardi di euro. L’assegno di divorzio è più alto rispetto alle ultime proposte arrivate da Londra e potrebbe esserci un segnale positivo già il prossimo lunedì quando a Bruxelles Theresa May incontrerà il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker e il capo negoziatore, Michel Barnier.

La decisione ufficiale verrà presa al Consiglio europeo del 14-15 dicembre e se positiva potrebbe aprire alla seconda fase dei colloqui che riguardano le future relazioni tra Regno Unito e Ue e sulla questione dei confini con l’Irlanda del Nord. Due temi questi tutt’altro che semplici che richiederanno ancora mesi di negoziato.

Ad ogni modo, il Regno Unito sa che non può più perdere tempo e solo un avanzamento dei negoziati potrebbe arginare l’emorragia delle aziende che stanno abbandonando il Paese.

Gli acquisti sulla sterlina sono stati importanti e il cambio GBP/USD si è portato a 1,3430, massimi che non vedeva esattamente da due mesi. Il canale rialzista che il mercato si è costruito sembra portare a 1,37 entro fine anno. La prima area di supporto interessante passa a 1,3330, precedenti top di ottobre.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.