Bank of England tra due fuochi

Operatori in cerca di risposte in vista della riunione della Banca centrale di domani.

bg_mark_carney_1462915
Fonte: Bloomberg

Sfide importanti attendono la Bank of England (BoE) alla luce dei recenti dati macro. L'inflazione è tornata ad accelerare ad agosto, raggiungendo il 2,9% a/a, lo stesso ritmo di maggio e il massimo da giugno 2013. La tendenza è stata confermata anche da quella core, salita al 2,7%, il livello più alto da dicembre 2011.

Questi dati mettono pressione alla Banca centrale britannica per una revisione della politica monetaria, in questo momento molto accomodante. La BoE dovrebbe pensare così a un rialzo dei tassi, attualmente fermi al minimo storico dello 0,25% da luglio 2016. Già nell'ultima riunione di agosto, due membri hanno votato per un rialzo dei tassi contro sei, invece, che hanno preferito lasciarli ai livelli attuali. Domani la situazione potrebbe essere ancora più bilanciata.

La questione è complicata dal fatto che la crescita dei salari rimane stabile su livelli bassi, come hanno confermato oggi i dati relativi al mese di luglio (2,1% a/a). E' un fattore questo che non può essere trascurato dato che minaccia il potere d'acquisto delle famiglie britanniche e da qui i consumi. Questo problema potrebbe addirittura accentuarsi nei prossimi mesi. Il tutto peggiora se consideriamo che i negoziati della Brexit procedono a rilento e con forte difficoltà.

Paradossalmente la Bank of England potrebbe essere forzata a fare marcia indietro sulla politica accomodante proprio nel momento in cui l'economia ne ha più bisogno. Per questo motivo, crediamo che la BoE continui a perseguire una politica monetaria espansiva, cercando con le parole del governatore Carney di preservare la sterlina da nuovi cali. Un compito di certo non facile.

La sterlina diventa quindi cruciale per le scelte della BoE dei prossimi mesi. Se dovesse deprezzarsi troppo, rischierebbe di accentuare le spinte inflattive nel Paese attraverso l'import di beni non discrezionali, come quelli alimentari. Una stabilizzazione sui livelli attuali o più forti potrebbe, invece, aiutare ad allentare tali pressioni inflattive.

Sul cambio EUR/GBP, dopo essersi avvicinato ai massimi dell'autunno scorso, confermiamo il target della parità entro fine 2018, mentre per il cambio GBP/USD alziamo il target precedente a 1,22.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.