Eur/Usd: post FOMC testa supporto in area 1,37 su toni non troppo "dovish" ma poi rimbalza a 1,3740

Una serata caratterizzata dalla volatilità per il cambio euro/dollaro grazie alla pubblicazione dello statement del FOMC. Il cross ha toccato un minimo a 1,3696 per poi riprendersi e tornare al di sopra di 1,3730

Il meeting del FOMC sembra essere stato un non-evento almeno in ottica di medio/breve termine e non guardando solo al brevissimo periodo (movimenti dell’eurusd sono stati importanti con un -90 pips circa). I membri della commissione operativa della FED, come ampiamente scontato, hanno deciso di lasciare i tassi d’interesse invariati nel range 0-0,25% (e su livelli bassi resteranno ancora a lungo almeno fino al 2015) e il piano di quantitative easing a 85 mld di dollari al mese (acquisti pari a 45 mld di dollari in Treasuries a m/l termine e 40 mld di dollari in titoli governativi legati ai mutui, MBS mortgage backed securities). Le scelte non sono state prese all’unanimità, Esther George (chief executive della Federal Reserve di Kansas City) ha votato, infatti, contro le suddette decisioni. Non è la prima volta che George vota contro gli stimoli monetari, il governor della FED di Kansas City più volte ha sostenuto con forza i pericoli di un prolungato uso di strategie monetarie ultra-espansive.

Nello statement che ha accompagnato la decisione si possono riscontrare veramente poche differenze rispetto al precedente comunicato. Una delle principali è l’affermazione di un rallentamento della ripresa nel settore immobiliare. Altra grande differenza rispetto al comunicato precedente è la mancanza di un riferimento sul tightening delle condizioni finanziarie. Rispetto a settembre i rendimenti dei titoli a m/l termine sono scesi notevolmente (t-notes a 10 anni dal 3% al 2,50%) e i mercati azionari hanno continuato a segnare nuovi massimi storici.

Le poche differenze rispetto al comunicato precedente hanno comunque avuto un effetto sui mercati . I mercati si aspettavano infatti toni molto piu’ “dovish” con qualche indicazione abbastanza chiara sul rinvio al 2014 del “tapering” ovvero il processo graduale di diminuzione di acquisti di titoli governativi. Invece la FED ha lasciato ancora qualche dubbio. Sui mercati dopo la pubblicazione dello statement l’indice DowJones IA ha mostrato una flessione da 15780 a 15580, e i rendimenti dei T-Notes decennali sono saliti dal 2,47% al 2,55%.

Nonostante la pubblicazione del FOMC statement manteniamo le nostre attese sul tapering invariate. Crediamo che dopo lo shutdown servirà del tempo all’economia del paese a stelle e strisce per tornare a evidenziare concreti segnali di crescita. Riteniamo che il “tapering” possa essere posticipato nella primavera 2014, diminuendo sensibilmente soprattutto l’acquisto di Treasuries e cercando di lasciare gli stimoli monetari sul comparto immobiliare ancora a lungo. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Modalità di fare trading con il Forex

    Scoprite come funziona il mercato finanziario più grande e più liquido del mondo. Spiegheremo come avviene la negoziazione delle valute estere e vi forniremo le nozioni indispensabili per accedere a questo importante mercato.

  • Trading con i futures sugli indici

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

  • Leva e rischio

    Imparate come utilizzare la leva finanziaria per ottenere una maggiore esposizione sul mercato a fronte di un esborso iniziale relativamente contenuto. Spiegheremo quanto sia importante utilizzarla con cautela, poiché se da una parte può amplificare i vostri profitti dall'altra può comportare un incremento del vostro rischio di perdita.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.