Le divergenze con Williams %R

Il Williams %R è uno strumento di analisi tanto semplice quanto efficace, ideato da Larry Willims già nel lontano 1973.

L’oscillatore è molto simile allo stocastico; mentre quest’ultimo utilizza la differenza tra la chiusura e il minimo dei minimi, per la costruzione del Williams %R si fa riferimento alla differenza tra la chiusura e il massimo dei massimi.

Il W %R fluttua fra 0 e -100, praticamente a scala invertita rispetto ai normali oscillatori; l’Autore individua la soglia di ipercomprato viene individuata con valori sopra -20 mentre quella di ipervenduto con valori sotto -80.

Vediamo un esempio sul cross Eur/Usd

L’oscillatore individua bene alcune situazioni caratteristiche del mercato, ovvero le fasi di esaurimento di un trend. Infatti, se in un mercato forte i prezzi di chiusura non sono in grado di mantenersi vicino ai massimi, significa che il trend si sta indebolendo e potremmo avere l’opportunità di shortare il mercato, cioè aprire una posizione ribassista.

Per contro, in un mercato orientato al ribasso con i prezzi di chiusura che ormai non sono più in grado di mantenersi vicino ai minimi del range potremmo avere un’opportunità di acquisto.

Tali situazioni sono ben messe in evidenza dal W %R.

L’utilizzo classico dell’oscillatore, tuttavia, genera molti falsi segnali. Dove il W %R, invece, eccelle, è nella individuazione delle divergenze rialziste e ribassiste.
Ricordo ai meno esperti che una divergenza ribassista si ha nel momento in cui i prezzi fanno nuovi massimi mentre l’oscillatore presenta massimi decrescenti. Per converso assistiamo a una divergenza rialzista se i prezzi fanno segnare nuovi minimi mentre sull’oscillatore si hanno minimi crescenti.
Si tratta di situazioni che non si verificano molto spesso, ma quando capita di imbattersi in una divergenza con il W %R si ha l’opportunità di un trade ad alte probabilità di successo.
In base a quanto abbiamo appena detto, quando il W %R sale sopra la linea di ipercomprato in corrispondenza di un massimo del mercato, poi riscende e nel successivo movimento rialzista dei prezzi non è in grado di superare il picco precedente, si viene a creare una divergenza ribassista. Si evidenza una perdita di forza del movimento rialzista e il mercato è potenzialmente pronto ad invertire la tendenza.

Vediamo un esempio sul cross Eur/Usd time frame 4 ore.

Vediamo allora come intervenire a livello operativo su questo tipo di divergenza.

Quando si verifica la nostra divergenza ribassista, possiamo ipotizzare di aprire una posizione short al di sotto della candela che ha confermato la divergenza, posizionando uno stop loss sopra il massimo della candela stessa.

Quello di seguito è un esempio sull’eurostoxx50 future nell’inversione dello scorso 25 ottobre.

Come possiamo vedere i prezzi provengono da un sostenuto rialzo durante il quale hanno messo a segno massimi crescenti. Il 25 ottobre i prezzi aprono addirittura in gap up, ma l’oscillatore non è in grado di andare a violare il massimo realizzato in corrispondenza del massimo precedente del mercato e crea così una divergenza ribassista.
Nel momento in cui i prezzi violano il minimo della shooting star e l’oscillatore conferma la divergenza creando una sorta di uncino, possiamo aprire una posizione ribassista sul mercato, posizionando uno stop loss al di sopra del massimo della candela. Si potrà poi gestire la posizione secondo la ropria metodologia di money management.
Un analogo segnale nella precedente giornata del 19 ottobre ci offre l’occasione di aprire una posizione short molto profittevole.

Nella divergenza rialzista la situazione è esattamente speculare, l’oscillatore entra in zona di ipervenduto scendendo al di sotto della soglia di 10, poi torna al di sopra di tale valore non appena i prezzi rimbalzano, ma sul successivo minimo del mercato, l’oscillatore non è in grado di creare un picco più basso del precedente.

Nell’immagine seguente vediamo come, con le nostre divergenze sull’oscillatore W %R, era possibile catturare l’inversione realizzata dall’eurostoxx50 future il 30.12.2010.

Infine ancora un esempio di divergenza rialzista realizzata sul una commodity quale il petrolio su grafico a 5 minuti, a dimostrazione del fatto che la tecnica è applicabile a qualunque strumento indipendentemente dal time frame adottato.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e in pochi minuti sarai pronto a fare trading.

Apri un conto

oppure prova la piattaforma con un conto demo

Contattaci

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

800 897582

In alternativa puoi scriverci all'indirizzo email italiandesk@ig.com