Volkswagen, correzione verso 166 euro

Continua a oscillare sui minimi degli ultimi 3 mesi il titolo Volkswagen in scia alla correzione che stanno attraversando le borse mondiali. 

Dal punto di vista del business, le prospettive rimangono solide per la prima casa automobilistica europea. La crescita delle immatricolazioni sono risultati ben evidenti in largo anticipo rispetto ai competitor. La quota di mercato è vista in crescita anche in Asia, dove il marchio tedesco risulta già essere ben posizionato.

Dal punto tecnico, la discesa per ora è da considerarsi del tutto fisiologica visti i massimi storici raggiunti a fine 2013, a quota 205 euro. Il titolo ora scambia a 186 euro (-9% da inizio anno), livello importante visto che è stato precedente resistenza a febbraio e agosto del 2013. La rottura di questo supporto proietterebbe le quotazioni verso 175, dove il titolo andrebbe a chiudere il gap rialzista lasciato aperto il 30 ottobre scorso. Il supporto successivo rimane collocato a 166, minimi di ottobre. Solo una perforazione di questo livello potrebbe aprire a un ritorno verso i minimi del 2013, in area 140 euro. Rimbalzi sino a 195 euro rimangono compatibili con questa view ribassista. Solo oltre si creerebbero i presupposti per un ritorno sui massimi storici a 205 euro.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.