Unicredit, primo target a 7 euro

Vola Unicredit in borsa nel giorno dell’annuncio del piano industriale e dei risultati del 2013. 

La banca di piazza Cordusio ha chiuso l’esercizio con una perdita netta record di 14 miliardi di euro, dovute esclusivamente alle svalutazioni su avviamento e agli accantonamenti sui crediti. I ricavi non sono stati brillanti (a 24 miliardi, -4,1% su base annua), di cui 6 negli ultimi tre mesi del 2013. In ogni caso l’impatto sui requisiti patrimoniali rimane positivo.

Il mercato sembra apprezzare di più la quotazione della controllata Fineco nel corso del 2014 e la cessione di UniCredit Credit Management Bank, che gestisce i crediti in sofferenza originati in Italia. Se il primo elemento potrebbe incrementare il valore del gruppo, il secondo aiuterebbe a rendere i bilanci del gruppo più trasparenti.

Dal punto di vista tecnico, il titolo è volato (+7,1%) con volumi importanti dopo i conti, raggiungendo i massimi di ottobre 2011 a quota 6,54 euro. I volumi sono arrivati ai massimi dal 19 gennaio 2012, nei giorni in cui c’è stato l’aumento di capitale, superando i 240 milioni di pezzi. Il titolo non dovrebbe avere difficoltà a raggiungere i 7 euro, picchi di ottobre 2011. Unicredit rispetto a Intesa SanPaolo è rimasta un po’ indietro nel recente recupero a seguito delle tensioni in Ucraina. Solo un peggioramento del quadro geopolitico in Ucraina potrebbe evitare questo scenario. Il titolo più rappresentativo del FtseMib dopo Eni, non si è ancora allineato alla performance dell’indice milanese. In un’ottica di medio lungo periodo il target principale rimane a 10 euro, massimi abbandonati a luglio 2011.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.