Moncler scalda Piazza Affari

Vola Moncler a Piazza Affari nel suo primo giorno di contrattazioni in borsa.

Il titolo ha aperto sopra i 14 euro, con un rialzo superiore al 40% rispetto al prezzo massimo fissato al termine dell’Ipo (a 10,2 euro). Buoni anche i volumi di scambio, che hanno da poco superato i 21,7 milioni di pezzi. A questi prezzi, la capitalizzazione dovrebbe aggirarsi intorno ai 3,6 miliardi di euro, simile al valore che il mercato associa a Tods e non distante da quello di Ferragamo (4,7 mld euro).

La forte domanda registrata durante l’Ipo in qualche modo lasciava pensare a un simile balzo in borsa. Come capita spesso nei primi giorni di quotazione di un titolo, una buona parte della performance odierna rimane imputabile alla pura speculazione, anche se la presenza di investitori istituzionali sembrerebbe non confermare questa tesi. Anche il momento di mercato particolarmente favorevole per l’Ipo sta contribuendo a questa performance. Occorre attendere qualche settimana per avere un quadro più chiaro sulle prospettive sul titolo.

Dal punto di vista fondamentale, le prospettive di crescita sono importanti, soprattutto se l’azienda dovesse riuscire a:

  • espandersi su mercati esteri, come quelli asiatici e quelli nordamericani;
  • differenziare il prodotto.

Rimangono due elementi fondamentali per dare seguito alla crescita dei ricavi nel medio lungo periodo. In questo momento, infatti, una buona parte dei ricavi arrivano dall’Europa, le cui prospettive di ripresa rimangono ancora molto contenute e soggetta a molti downside risk. La scarsa differenziazione di prodotto, quasi unicamente incentrata sulla produzione di piumini, potrebbe rendere il flusso di ricavi legato a una forte stagionalità. Se ciò non dovesse accadere è lecito attendersi uno sgonfiamento delle quotazioni verso i livelli di prezzo fissati durante l’Ipo.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.