Google Alphabet alla prova dei conti

Il colosso tecnologico pronto a superare quota 1000 dollari a Wall Street

bg_google_1356411
Fonte: Bloomberg

Lunedì Alphabet (holding proprietaria di Google) mostrerà i risultati del secondo trimestre 2017 alla chiusura di Wall Street di lunedì 24 luglio. Cifre trimestrali che saranno valutate con particolare attenzione.

Nel primo trimestre Alphabet aveva mostrato un eps pari a 7,73 dollari per azione (+3% a/a). Le aspettative per il secondo trimestre sono fissate per un eps pari a 8,25 dollari per azione e per ricavi ex TAC (esclusi i costi di acquisizione traffico) pari a 20,80 mld di dollari.

Da un punto di vista grafico negli ultimi due anni Alphabet ha mostrato una lunga corsa al rialzo. A luglio 2015 il titolo quotava in area 500 dollari per arrivare a testare i 1000 dollari. Negli ultimi 3 mesi grazie al positivo momento dei tecnologici il titolo ha mostrato una ulteriore accelerazione rialzista evidenziando un balzo di 20 punti percentuali. Una perentoria vittoria al di sopra della resistenza di 1000 potrebbe dare la forza necessaria ai prezzi per salire verso il prossimo obiettivo ipotizzabile a 1100. Discorso ben diverso se il titolo dovesse violare al ribasso il supporto a 916, primo segnale di un cambio di tendenza.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.