FCA compie primo passo per quotazione Ferrari

Fiat Chrysler Automobiles ha depositato oggi presso la SEC (Securities and Exchange Commission) il filing per la quotazione di Ferrari al NYSE (New York Stock Exchange). 

bg_factory_1357913
Fonte: Bloomberg

L’operazione dovrebbe avvenire nella seconda metà ottobre e i bookrunners saranno UBS (anche in veste di global coordinator), Bank of America-Merrill Lynch e Banco Santander.

L’IPO di Ferrari rappresenta il primo step di un processo più strutturato che punta ad arrivare allo scorporo definitivo del Cavallino rampante da FCA, previsto ad inizio 2016. In collocamento andrà solo il 10% di Ferrari in mano a FCA, mentre il restante 80% verrà distribuito successivamente tra gli azionisti. Il restante 10% rimarrà in mano a Piero Ferrari.

Il processo sarà molto simile a quello seguito per FCA. La nuova entità avrà sede legale in Olanda e la quotazione, prevista ora solo al NYSE, potrebbe essere replicata anche a Piazza Affari, ma solo dopo lo scorporo definitivo.

La quotazione di Ferrari permetterà a FCA di racimolare liquidità che andrà a finanziare l’ambizioso piano industriale da 48 miliardi di euro annunciato del Ceo, Sergio Marchionne, che prevede il rilancio di Alfa Romeo e Maserati. Secondo quanto dichiarato dallo stesso Marchionne nel corso delle ultime sue apparizioni, Ferrari potrebbe valere circa 10 miliardi di euro e dovrebbe essere valutata alla stregua di una compagnia di lusso.

Ci aspettiamo che la quotazione di Ferrari dia lustro a uno dei marchi più riconosciuti al mondo, a cui per la prima volta il mercato cercherà di dare un valore. Crediamo che la valutazione di 10 miliardi di euro riconosciuto in questo momento da FCA costituisca solo una base d’asta che vedrà solo rilanci al rialzo. Non a caso l’azienda ha deciso di mantenere l’offerta particolarmente bassa (solo il 10%), per rendere di appeal l’operazione. Ferrari non ha bisogno di marketing per vendere le proprie auto e non avrà bisogno di roadshow per vendere i propri titoli.

La speculazione che si accenderà intorno alla quotazione di Ferrari potrebbe mettere le ali anche FCA, oggi anonima in borsa. Sul titolo dell'ex Lingotto, confermiamo come primo target di riferimento quello di 16 euro (picchi di marzo) entro ottobre, mentre a inizio 2016, potremmo essere addirittura a 18 euro.

Una simile prospettiva potrebbe essere intaccata dalla continua debolezza del mercato brasiliano, uno dei più importanti per FCA.

L’appeal sul nuovo titolo potrebbe essere forte soprattutto per gli operatori non statunitensi, che potrebbero beneficiare anche di un continuo apprezzamento del biglietto verde verso euro, in vista di un rialzo dei tassi da parte della Fed.

Su quest'ultimo punto sarà importante arrivare alla quotazione con un sentiment ancora positivo sui mercati.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Vantaggi e limitazioni

    La vendita allo scoperto consente ai trader di ottenere un profitto in un mercato ribassista o di proteggere gli investimenti esistenti. Scoprite come e perché la vendita allo scoperto può diventare il componente chiave di una strategia di trading equilibrata.

  • Fare trading con gli ETP

    Scoprite come gli ETP (Exchange Traded Products, ossia prodotti a indice quotati) riuniscono le migliori qualità di diversi veicoli d'investimento. Studiate i vari tipi di ETP e la vasta gamma di mercati sui quali potete negoziare.

  • Il vostro piano di trading

    Un piano di trading è uno strumento che vi consente di definire chiaramente i vostri obiettivi e vi aiuta a conseguirli. In questo modulo spieghiamo come redigere e implementare un piano personale.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.