Facebook corre ai ripari, ma titolo fatica a recuperare

In borsa bruciati quasi 100 miliardi di dollari di capitalizzazione in una settimana.

bg_facebook_1384534
Fonte: Bloomberg

Prova a recuperare terreno in borsa il titolo Facebook, dopo lo scandalo di Cambridge Analytica che l’ha travolta nelle ultime settimane. L’azienda oggi è corsa ai ripari annunciando una serie di misure volte a proteggere la privacy, che saranno operative nelle prossime settimane. Inoltre, il processo di download dei dati sarà più selettivo, in modo da evitare che società terze possano impadronirsi di questi come accaduto con Cambridge Analytica.

E mentre il suo fondatore e Ceo, Mark Zuckerberg, si prepara a un giro di scuse, a partire dal Congresso Usa, come riporta il New York Times, molte aziende iniziano a fare un passo indietro sulla pubblicità.

Il violento calo degli ultimi giorni incorporerebbe, quindi, non solo la possibilità di sanzioni da parte degli enti garanti della privacy, ma anche le prospettive di ricavi più bassi, dato che molte aziende potrebbero decidere di sospendere la pubblicità sul social. Molti investitori guardano con un certo timore anche al possibile deflusso di utenti, il vero punto di forza sinora del colosso di Menlo Park, con numeri che si avvicinano ai 2 miliardi.

Una conferma arriverebbe dalla forte riduzione della capitalizzazione di mercato dell’azienda, passata dai 538 miliardi di dollari prima dello scandalo di Cambridge Analytica ai 442 toccati ieri (comunque lontana dai 560 miliardi toccati il primo febbraio).

Cosa aspettarsi? L'ipervenduto che si generato negli ultimi giorni potrebbe aprire a un tentativo di rimbalzo in direzione di 160 dollari nel brevissimo. Continuiamo ad essere incerti invece su un orizzonte di medio periodo. Le incertezze potrebbero riaffiorare e portare il titolo verso area 145 dollari, primo supporto importante prima che il titolo allunghi verso il basso a 118 dollari. Ovviamente, per arrivare a questo livello è necessario anche che le turbolenze sui mercati proseguano nelle prossime settimane.

Nel lunghissimo periodo, potrebbe essere un occasione di acquisto, anche se il timing d'entrata non è ancora quello ottimale.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.