ENI ai massimi da due mesi

Il titolo sta mettendo pressione alla resistenza strategica collocata a 14,60 euro grazie al rialzo del greggio.

bg_oil_9987
Fonte: Bloomberg

Ottima partenza di anno per Eni, che ha terminato la prima settimana dell'anno con un balzo quasi del 4,6%. Si tratta della miglior perfomance da febbraio dello scorso anno. A fare da traino al titolo è stato il balzo del prezzo del greggio, imputabile principalmente a due fattori:

  1. il diffuso ottimismo sull''outlook macroeconomico, dopo i dati incoraggianti emersi in diverse regioni del globo;
  2. gli scontri in Iran, terzo produttore tra i Paesi OPEC, e l'esplosione dell'oleodotto in Libia di qualche settimana fa.

Se il primo di questi fattori alimenta le aspettative di una maggiore domanda, il secondo crea attese per un calo dell'offerta. L'effetto combinato è una crescita dei prezzi. Il petrolio ha aggiornato i massimi che non vedeva da oltre due anni e mezzo, con il WTI arrivato alla soglia dei 62 dollari/barile, mentre il Brent stazione poco sotto i 68 dollari.

Le prospettive per il petrolio per l'anno appena iniziato rimangono ancora incoraggianti. I driver di prezzo sembrano indicare una strategia win to win. Lo scenario macro dovrebbe mantenersi saldamente positivo, così le prospettive sono per una crescita della domanda di greggio. I principali rischi al momento sono rappresentati da timori geopolitici, almeno in Medio Oriente, dove la situazione rimane infuocata tra Iran, Arabia Saudita e Yemen. L'eventuale insorgere di un conflitto potrebbe tenere alte le quotazioni del greggio.

Ad ogni modo per ora tutti i titoli del comparto petrolifero applaudono al recente balzo del greggio, segnando performance importanti. ENI non è rimasto a guardare, uscendo dalla lateralità in un cui era finito tra novembre e dicembre.

Per ora il balzo si è arrestato su una resistenza interessante, collocata a 14,60, dove passa la trend line ribassista che unisce i massimi decrescenti del 2015, 2016 e 2017.
Un superamento di tale riferimento getterebbe le basi per un allungo in direzione di 15,70 euro, picchi di un anno fa, e da qui verso 17 euro (ultimo ritracciamento di Fibonacci nella discesa degli ultiumi tre anni).

Il primo supporto transita per 13,70, minimi allineati degli ultimi due mesi, mentre il vero livello strategico è a 13 euro, minimi assoluti del 2017. Solo un cedimento di tale riferimento vedrebbe le prospettive peggiorare inesorabilmente, con primo target a 12 euro e poi a 11 euro.

ENI_gen

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Supporto e resistenza

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • Trading con i futures sugli indici

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

  • Che cos'è un piano di trading?

    Un piano di trading è uno strumento che vi consente di definire chiaramente i vostri obiettivi e vi aiuta a conseguirli. In questo modulo spieghiamo come redigere e implementare un piano personale.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.