ENI, titolo punta a 12 euro

Titolo risente del calo del greggio e delle prospettive non entusiasmanti.

bg_oil_pump_7745
Fonte: Bloomberg

Rimane sotto pressione il titolo Eni dopo i forti cali degli ultimi due mesi. Le performance negative hanno raggiunto ormai 7 settimane di fila, cosa che non accadeva da giugno 2011. E quella in corso non sembra essere partita con il piede giusto. A deprimere il titolo è sicuramente il forte calo delle quotazioni del petrolio, che a giugno è scivolato sino ai minimi da novembre scorso.

Le prospettive, purtroppo, non sono incoraggianti neanche dal punto di vista grafico. Il titolo ora oscilla pericolosamente sopra i 13 euro, minimi da 8 mesi. Qui passa sia la trendline che congiunge i massimi del 2015 con quelli di luglio 2016 e costituisce minimo assoluto del 2014 e del 2015.

Pertanto un cedimento di tale riferimento grafico potrebbe aprire a un'estensione dei cali verso 12,20 euro, bottom allineati di aprile, settembre e novembre 2016 e livello dove sta approcciando anche la linea che unisce il top del 2014, con quello dell'estate scorsa. E' questo l'ultimo paracadute in grado di impedire un ritorno sui minimi storici aggiornati a febbraio 2016, poco sotto 11 euro.

Un tentativo di rimbalzo su questi livelli potrebbe aprire a un ritorno verso 14 euro, dove passa la parte bassa del triangolo formatosi da inizio anno. Improbabile al momento un superamento di tale riferimento.

Eni SpA (-)

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Introduzione

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

  • Modalità di trading

    Quali componenti essenziali per la produzione di tutti gli altri beni, le commodities (o materie prime) sono di vitale importanza per le moderne economie. Scoprite come queste risorse naturali, volatili eppure inestimabili, si collocano nel più ampio mondo del trading.

  • Modalità di vendita allo scoperto

    La vendita allo scoperto consente ai trader di ottenere un profitto in un mercato ribassista o di proteggere gli investimenti esistenti. Scoprite come e perché la vendita allo scoperto può diventare il componente chiave di una strategia di trading equilibrata.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.