Apple preview 1T: trimestre record? Attese e prospettive future

Domani 31 gennaio il colosso tecnologico comunicherà i risultati trimestrali. Attesa forte volatilità sul titolo

bg_apple_1383547_v1
Fonte Bloomberg

Alla chiusura dei mercati statunitensi di domani Apple Inc. annuncerà i risultati societari del primo trimestre dell’esercizio fiscale 2017. Ricordiamo che con IG si può fare trading anche durante le contrattazioni after hours.

Le attese del mercato sono fissate per un utile netto per azione pari a 3,22 dollari e ricavi pari a 77,4 miliardi di dollari circa. Nello stesso periodo dello scorso esercizio l’EPS era stato pari a 3,28 dollari per azione e ricavi pari a 75,9 miliardi di dollari.

Il numero di iPhone venduti dovrebbe attestarsi a 76 milioni di unità, leggermente superiori al numero di cellulari venduti nello stesso periodo dello scorso anno.

Il trimestre è particolarmente importante visto che è relativo alla stagione natalizia, da sempre il più robusto per il gigante tech di Cupertino.

I riflettori saranno puntati ancora una volta sulle vendite di iPhone e degli altri importanti device del gruppo guidato da Tim Cook. Inoltre riteniamo che altro elemento di grande interesse sarà la crescita dei margini del segmento Servizi (AppleCare) e di quello delle Apps.

Le principali banche d’affari hanno un giudizio fortemente positivo sul gruppo. Goldman Sachs ha una raccomandazione “buy” con un target price a 133 dollari, Morgan Stanley “overweight” con prezzo obiettivo a 148 dollari, Credit Suisse “outperform” con tp a 148 dollari e Bank of America Merrill Lynch con prezzo obiettivo a 140 dollari.

Noi crediamo che Apple abbia ancora spazio per salire ulteriormente. Da un punto di vista di tecnico il titolo non ha ancora dato segnali di debolezza. Dopo aver toccato i minimi del novembre 2016 a 104 dollari circa i prezzi di Apple hanno evidenziato una tendenza rialzista costante con minimi sempre crescenti. Nelle ultime sedute il movimento positivo aveva portato i principali oscillatori di prezzo in una situazione di ipercomprato che ha contribuito al ribasso odierno.

Il mantenimento al di sopra dei supporti posizionati a 119 e 114,75 lascia ancora attiva l’ipotesi di realizzazione di un nuovo segmento rialzista verso obiettivi situati a 123,80, picco del novembre 2015, e 127. Scenario diverso in caso di cedimento dei sostegni menzionati in precedenza, preludio a un possibile calo verso 108,20.

Apple Inc (All Sessions) (-)

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.