Apple: grande attesa per il WWDC 2015, attenzione al titolo

La conferenza sui nuovi sistemi operativi potrebbe essere un altro driver per il titolo a Wall Street

bg_apple_1383547_v1
Fonte Bloomberg

Dall'8 al 12 giugno a San Francisco il CEO di Apple, Tim Cook, svelerà il nuovo sistema operativo per i dispositivi Apple. Le nostre aspettative per iOS 9 sono per importanti miglioramenti su Spotlight (motore di ricerca interno) e su Siri, ai quali dovrebbe essere aggiunta la funzione Proactive che impara dalle abitudini degli utenti. Cook dovrebbe annunciare inoltre un ulteriore aggiornamento sull’iCloud Drive e su nuovi sistemi di protezione per le connessioni wi-fi.

Ci sono molte indiscrezioni sul lancio del servizio di streaming musicale da quando Apple ha firmato una partnership con Beats Electronics/Dr Dre. Servizio che potrebbe offrire un free trial ma sarà contraddistinto da un pagamento mensile (molto probabilmente attorno ai 10 dollari al mese).

La concorrenza è davvero impegnativa in tale nicchia di mercato con Spotify, Deezer e Google Play Music che hanno importanti quote di mercato. Fattore chiave saranno gli accordi con le etichette musicali (Sony Entertainment, Universal e Warner Music) e la possibilità di gestire le stazioni radio con l'aiuto di dj e artisti famosi.

Ricordiamo come la prossima settimana ci sarà l’annuncio dei nuovi sistemi operativi (anche OS X 10.11 e quello per Apple Watch) ma saranno a disposizione molto probabilmente da settembre.

A Wall Street Apple evidenzia una lunga fase di consolidamento. Molto probabile che le notizie possano muovere ancora al rialzo il titolo. L’eventuale superamento della resistenza in area 134,50 getterebbe le basi per un allungo in direzione degli obiettivi posizionati a 147,30 e 150. Primi segnali di debolezza giungeranno invece con il cedimento del supporto a 121,60, preludio a un possibile calo verso i 115 dollari.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.