Week Ahead: Settimana 27 – 31 Luglio

Agenda dei principali eventi economici della settimana

bg_Shanghai_China_PX00235_9
Fonte Bloomberg

Avvio di settimana negativo per le Borse europee dopo l’ennesimo tonfo delle piazze azionarie cinesi. La Borsa di Shanghai ha perso oltre otto punti percentuali, peggior ribasso dal 2007.

Da giugno 2014 a giugno 2015 abbiamo assistito a un vero proprio boom della Borsa di Shanghai. I principali indici hanno evidenziato rialzi compresi tra il 100 e il 150%, generando un forte entusiasmo e incentivando anche i piccoli risparmiatori a investire sull’azionario. Da metà giugno lo scenario è cambiato radicalmente e la principale borsa cinese ha mostrato una inversione di tendenza radicale scendendo di oltre 30 punti percentuali sui timori sul rallentamento dell’economia, sui rischi di deflazione e sui pericoli dello shadow banking. Oltre alle misure di espansione monetaria e fiscale le due principali autorità politiche (Xi Jinping e Li Keqiang) hanno deciso di bloccare le vendite ponendo un divieto per 6 mesi ai grandi azionisti (anche stranieri) di cedere le proprie quote sul mercato. Anche la Banca Centrale Cinese (PBoC) è intervenuta prestando fondi alla China Securities Finance Corp per acquistare azioni e cercare di equilibrare il sistema. Riteniamo che serviranno ulteriori manovre per stabilizzare le Borse, cercando, tuttavia, di continuare il processo di riforme per una ulteriore liberalizzazione dei mercati.

Intanto in Europa l’indice IFO è risultato superiore alle attese nel mese di luglio attestandosi a 108 rispetto i 107,2 del consensus, rafforzando le quotazioni della moneta unica.

Settimana ricca di dati macroeconomici. Segnaliamo negli Stati Uniti la riunione del FOMC. Non ci aspettiamo variazioni delle strategie monetarie ma potrebbero essere rilasciate informazioni sulle tempistiche del rialzo dei tassi d’interesse.

 

 

 

Lunedì 27 Luglio

Indice IFO, GERMANIA;

Ordini di beni durevoli, STATI UNITI;

Indice FED di Dallas su attività manifatturiera, STATI UNITI.

 

Martedì 28 Luglio

PIL 2T, GRAN BRETAGNA;

Indice Case/Shiller sui prezzi delle abitazioni, STATI UNITI;

Indice PMI servizi, STATI UNITI;

Indice di fiducia dei consumatori (Conference Board), STATI UNITI;

Indice FED di Richmond su attività manifatturiera, STATI UNITI.

 

Mercoledì 29 Luglio

Indice di fiducia GFK, GERMANIA;

Indice Pending home sales, STATI UNITI;

Scorte di petrolio, STATI UNITI;

Meeting FOMC, FED, STATI UNITI;

 

Giovedì 30 Luglio

Produzione industriale, GIAPPONE;

Audizione del governatore RBA Glenn Stevens, AUSTRALIA;

Licenze edilizie, AUSTRALIA;

Disoccupazione, GERMANIA;

Bollettino economico mensile, BCE, ZONA EURO;

Disoccupazione, ZONA EURO;

Indici di fiducia, ZONA EURO;

Inflazione, GERMANIA;

Sussidi settimanali di disoccupazione, STATI UNITI;

PIL 2T, STATI UNITI;

 

Venerdì 31 Luglio

Disoccupazione, GIAPPONE;

Inflazione, GIAPPONE;

Prezzi alla produzione, AUSTRALIA;

Vendite al dettaglio, GERMANIA;

Inflazione, ZONA EURO;

Indice PMI Chicago, STATI UNITI

Indice di fiducia dei consumatori (Michigan), STATI UNITI.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.