Week Ahead: 3 - 7 Aprile

Europa attende conferme dai PMI, mentre negli USA attenzioni rivolte ai Non Farm Payrolls. 

bg_wall_street_958656
Fonte: Bloomberg

Il secondo trimestre dell'anno inizia con il mercato che cerca conferme dai dati sugli indici PMI di marzo della zona euro, dopo le brillanti stime flash. Negli Usa, l'attenzione degli operatori sarà rivolta ai dati del mondo del lavoro, che a marzo dovrebbero continuare a mostrare una crescita sostenuta in scia alle buone indicazioni arrivate dagli indici di fiducia.

E' un po' troppo presto per vedere qualche segnale di debolezza derivante dall'incertezza politica di Trump. Ci vorrà qualche mese prima che il mercato e le imprese inizino a dubitare sulla sua politica fiscale extra espansiva.

Allargando la visuale a tutto il mese di aprile, il market mover principale rimane il voto in Francia, che potrebbe dare spazio al risk on sui listini europei, già reduci da una buona performance in questo inizio di 2017. Solo nel mese di marzo, infatti, il podio delle migliori performance dei listini mondiali ha visto nelle prime posizioni: Spagna, Portogallo e Italia.

La nostra sensazione è che gli investitori stiano spostando il focus sull'Europa, largamente sotto prezzata durante tutto il 2016. Ora che il rischio politico si sta riducendo e che la crescita sta guadagnando forza, gli investitori tornano a strizzare l'occhio al Vecchio continente, come dimostrano anche i dati sui flussi settimanali. Solo la scorsa ottava, i flussi netti verso l'Europa sono stati pari a 1,5 miliardi di dollari, il valore più alto da 60 settimane. Brillante la performance di Germania e Italia, che hanno visto flussi record, rispettivamente, da 66 e 72 settimane.

Crediamo che il passaggio di testimone tra le borse di ambo le sponde dell'Atlantico sia già iniziato da qualche settimana e che possa intensificarsi ancora.

 

Lunedì 3 Aprile

Vendite al dettaglio febbraio, Australia

Indici PMI manifatturiero marzo, Cina

Indici PMI manifatturiero marzo, Eurozona

Tasso disoccupazione febbraio, Eurozona

ISM manifatturiero marzo, USA

Spesa per costruzioni febbraio, USA

 

Martedì 4 Aprile

Riunione di politica monetaria della Reserve Bank of Australia (RBA), Australia

Vendite al dettaglio febbraio, Eurozona

Bilancia commerciale marzo, USA

 

Mercoledì 5 Aprile

Indici PMI servizi marzo, Eurozona

Indici PMI servizi marzo, UK

Stime ADP marzo, USA

ISM non manifatturiero marzo, USA

Scorte settimanali di petrolio, USA

La Fed pubblica i verbali relativi all’ultima riunione di politica monetaria

 

Giovedì 6 Aprile

Riunione di politica monetaria della Reserve Bank of India (RBI), India

Ordini industria febbraio, Germania

Richieste settimanali sussidi disoccupazione, USA

 

Venerdì 7 Aprile

Produzione industriale febbraio, Germania

Bilancia commerciale febbraio, Germania

Produzione industriale febbraio, UK

Non Farm Payrolls marzo, USA

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.