Week Ahead: 26-30 settembre – OPEC, IFO, PIL

Agenda dei principali eventi economici della settimana

bg_oil_barrels_1422243
Fonte Bloomberg

C’era tanta attesa da settimane per i meeting delle banche centrali di Giappone e Stati Uniti. Il governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha sorpreso i mercati lasciando invariati i tassi ma rimodulando il piano di quantitative easing con l’obiettivo di controllare la curva dei rendimenti. La BoJ diventa una delle prime banche centrali al mondo a intervenire per attenuare gli effetti negativi sul sistema finanziario di avere tassi d’interesse su livelli così bassi. La Federal Reserve ha, invece, rispettato le attese del consensus. Nonostante i report di alcune banche d’affari la comunità finanziaria si aspettava un nulla di fatto nella riunione del FOMC. I membri del Board hanno infatti deciso di non ritoccare al rialzo il costo del denaro negli Stati Uniti, confermando tuttavia che le possibilità di un incremento dei tassi sono molte elevate nei prossimi mesi (soprattutto a dicembre). Toni da falco nel comunicato ma decisione di lasciare tutto invariato (il cosiddetto “hawkish hold” come è stato definito dai media statunitensi).

La prossima settimana è dominata dalle attese degli investitori sull’esito del meeting informale dell’OPEC in Algeria durante il Forum Internazionale dell’Energia. Secondo indiscrezioni ci sarebbero state nelle ultime ore delle negoziazioni con l’Iran per convincere il governo di Teheran ad avvicinarsi alle posizioni degli altri membri dell’OPEC, favorevoli a un congelamento della produzione.

Noi crediamo che la debolezza del dollaro e i problemi alla produzione in Libia per il controllo delle piattaforme petrolifere di Ras Lanuf dovrebbero attenuare le pressioni sui membri OPEC per siglare un accordo nel brevissimo. La riunione ad Algeri come le trattative di Doha dovrebbero concludersi con un nulla di fatto. Ci aspettiamo, quindi, che i corsi dell’oro nero rimarranno nel trading range 43-50 dollari al barile ancora a lungo.

 

 

Lunedì 26 Settembre

Indice IFO clima di fiducia, GERMANIA;

Vendite al dettaglio, ITALIA;

Vendite al dettaglio, STATI UNITI,

Indice della FED di Dallas, settore manifatturiero, STATI UNITI,

Disoccupazione, FRANCIA.

Forum Internazionale Energia.

Primo Dibattito tra Candidati alle Presidenziali USA.

 

Martedì 27 Settembre

Minute della BoJ, GIAPPONE;

Vendite al dettaglio, GERMANIA;

Ordini industriali, ITALIA;

Indice prezzi delle abitazioni Case-Shiller, STATI UNITI;

Indice PMI dei servizi, STATI UNITI;

Indice di fiducia dei consumatori Conference Board, STATI UNITI;

Forum Internazionale Energia.

 

Mercoledì 28 Settembre

Indice di fiducia dei consumatori GFK, GERMANIA;

Ordini di beni durevoli, STATI UNITI;

Scorte di petrolio, STATI UNITI.

Forum Internazionale Energia

 

Giovedì 29 Settembre

Vendite al dettaglio, GIAPPONE;

Inflazione SPAGNA;

Disoccupazione, GERMANIA;

Inflazione, GERMANIA

Stima finale PIL 2T, STATI UNITI;

Richieste settimanali di sussidi disoccupazione, STATI UNITI;

Indice Pending home sales, STATI UNITI.

 

Venerdì 30 Settembre

Fiducia consumatori, REGNO UNITO;

Inflazione, GIAPPONE;

Disoccupazione, GIAPPONE;

Produzione industriale, GIAPPONE;

Vendite di nuove case, AUSTRALIA;

Indice PMI manifatturiero, CINA;

Ordini nel settore delle costruzioni, GIAPPONE;

Prezzi delle abitazioni, REGNO UNITO;

Inflazione, FRANCIA;

Disoccupazione, ITALIA;

Stima finale PIL 2T, REGNO UNITO;

Inflazione, ZONA EURO;

Disoccupazione, ZONA EURO;

Inflazione, ITALIA;

Indice PCE personal consumption expenditures, STATI UNITI,

Reddito personale, STATI UNITI;

Indice PMI Chicago, STATI UNITI;

Indice fiducia consumatori Michigan, STATI UNITI.

 

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.