Week Ahead: 26-30 Giugno. Occhio all'inflazione della zona euro.

Il mercato attende i dati preliminari sull'inflazione dell'area euro che potrebbero avere un impatto sulle decisioni della Bce.

bg_us_trader_charts_1499965
Fonte: Bloomberg

Il recente crollo dei prezzi del petrolio, che ha terminato la quinta settimana di fila in rosso (cosa che non accadeva da agosto 2015!), apre a nuovi dubbi sulle aspettative inflattive. Gli effetti si sono visti sulle curve per scadenza, tutte in appiattimento, con il mondo del fixed income tornato d'appeal. Date queste circostanze, il mercato monitorerà molto da vicino i dati preliminari sull'inflazione di giugno della zona euro in pubblicazione venerdì.

Una prosecuzione del rallentamento potrebbe far insorgere dubbi sulle prossime manovre della Bce, che già nella sua riunione di inizio mese, si era mostrata propensa a un cambiamento di rotta verso un atteggiamento meno accomodante nei prossimi mesi.

Al momento, fintantoché il petrolio dovesse mantenersi sopra i 40 dollari al barile non ci aspettiamo stravolgimenti di politica monetaria. Ma se i prezzi dell'oro nero dovessero scendere sotto tale soglia, il quadro si deteriorebbe sensibilmente.

 

Lunedì 26 Giugno

Indice IFO fiducia imprese giugno, Germania

Ordini beni durevoli maggio, USA

Indice CFNAI maggio, USA

 

Martedì 27 Giugno

Indice prezzi abitazioni Case-Shiller aprile, USA

Fiducia consumatori giugno, USA

Discorso Neel Kashkari (Federal Reserve Minneapolis, votante)
 

Mercoledì 28 Giugno

Tassoo inflazione prel. maggio, Italia

Bilancia commerciale beni maggio, USA

Indice pending home sales maggio, USA

Scorte settimanali di petrolio, USA

 

Giovedì 29 Giugno

Prezzi case Nationwide giugno, UK

Indici fiducia giugno, Eurozona

Stima flash tasso inflazione giugno, Germania

Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione, USA

Terza lettura PIL 1° trim., USA

 

Venerdì 30 Giugno

Tasso inflazione giugno, Giappone

Tasso disoccupazione maggio, Giappone

Vendite al dettaglio maggio, Germania

Stima flash tasso inflazione giugno, Eurozona

Redditi e consumi personali maggio, USA

Chicago PMI giugno, USA

Fiducia consumatori Univ. Michigan finale giugno, USA

Trivelle attive Baker Hughes settimanali, USA

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.