Week Ahead: 26 - 30 Ottobre

La prossima settimana si presenta ricca di appuntamenti interessanti in arrivo dall’altra parte dell’oceano, tra cui spicca su tutti la riunione del FOMC.

Fed FOMC
Fonte: Bloomberg

La forte fase di risk on che ha caratterizzato le ultime sedute potrebbe affievolirsi un po’ in vista della riunione della Federal Reserve. L’apertura inaspettata di Draghi a nuove manovre già a dicembre e il taglio dei tassi a sorpresa della Banca centrale cinese (Pboc) hanno inondato i mercati di liquidità.

Rimanendo sul fronte Banche centrali, dopo le azioni di Bce e Pboc, ora la parola passerà alla Federal Reserve. Le aspettative inflattive molto basse dovrebbero spingere la Banca centrale statunitense a temporeggiare ancora un po’ prima di rialzare i tassi di interesse. Dei toni simili permetterebbero al biglietto verde di scrollarsi di dosso la recente forza che l’ha condotto verso euro ai massimi da agosto. Una simile conclusione darebbe ulteriore spinta alle borse. In realtà, i dati macro arrivati dal settore immobiliare e le buone trimestrali di questa settimana hanno riportato gli operatori a rivalutare un ritocco dei tassi già entro il 2015. Il movimento è ancora modesto e il consenso rimane orientato per marzo 2016. Per ora, se la Fed non agisce sarà solo per le aspettative inflattive ancora troppo basse.

Particolarmente affollata rimane l’agenda macro Usa, che vedrà la pubblicazione del Pil del 3° trimestre e gli ordini di beni durevoli di settembre, insieme ad alcuni indicatori sulla fiducia e sul comparto manifatturiero. Infine, ma non meno importante, proseguirà il flusso di trimestrali che toccherà l’apice con Apple martedì sera a mercati chiusi.

Fuori dagli Stati Uniti, grande attesa per l’eventuale annuncio di nuove misure espansive da parte della Bank of Japan dopo le recenti indicazioni macro abbastanza deludenti. In Europa, il focus principale sarà sulle stime preliminari dell’inflazione di ottobre in arrivo da Germania ed Eurozona, che saranno in grado di confermare l'azione di Draghi a dicembre.

 

Lunedì 26 Ottobre

Indice IFO sulla fiducia delle imprese ottobre, GERMANIA

Vendite nuove abitazioni settembre, USA

Indice Manifatturiero Fed di Dallas ottobre, USA

 

Martedì 27 Ottobre

Profitti delle imprese settembre, CINA

Stima PIL 3°T, UK

Ordini di beni durevoli settembre, USA

Indice prezzi abitazioni Case-Shiller agosto, USA

Fiducia consumatori ottobre, USA

***Apple pubblicherà i conti del 3°T del 2015***

 

Mercoledì 28 Ottobre

Tasso d’inflazione 3°T, AUSTRALIA

Vendite al dettaglio settembre, GERMANIA

Scorte settimanali di petrolio, USA

***Annuncio di politica monetaria della Riksbank (SRB)***

***Annuncio di politica monetaria della Federal Reserve (FED)***

***Annuncio di politica monetaria della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ)***

 

Giovedì 29 Ottobre

Tasso disoccupazione ottobre, GERMANIA

Tasso inflazione prel. ottobre, GERMANIA

Stima preliminare PIL 3°T, USA

Richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, USA

Indice Pending Home Sales settembre, USA

 

Venerdì 30 Ottobre

Tasso disoccupazione settembre, GIAPPONE

Tasso d’inflazione settembre, GIAPPONE

***Annuncio di politica monetaria della Bank of Japan (BoJ)***

Tasso d’inflazione prel. ottobre, EUROZONA

Redditi e consumi personali settembre, USA

Fiducia dei consumatori Univ. del Michigan finale ottobre, USA

***Annuncio di politica monetaria della Central Bank of Russia (CBR)***

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.