Week Ahead: 22-26 gennaio. Non solo BCE!

Oltre alle indicazioni della Bce, ci sono in agenda anche tanti dati macro.

Mario_Draghi
Fonte: Bloomberg

Ancora una settimana importante sui mercati con tante indicazioni macroeconomiche di rilievo e tanti eventi in agenda. Gran parte di questi si ripercuoteranno sul cambio Euro/Dollaro, a partire dall'apertura di domenica sera in Asia.

Domenica in Germania, 600 delegati dell'SPD voteranno l'accordo esplorativo per una nuova Grande coalizione raggiunto con la CDU di Angela Merkel. I malumori crescenti all'interno del partito guidato da Martin Schulz hanno creato un fronte abbastanza folto di oppositori, il "NoGroKo". Un voto sfavorevole potrebbe tradursi in un fallimento dei colloqui e un ritorno alle urne dopo 4 mesi dal voto. Ovviamente le ripercussioni si farebbero sentire anche sull'euro.

Tra gli altri eventi, l'attenzione rimane rivolta sulla conferenza stampa della Bce di giovedì, da cui non sono attese variazioni alla politica monetaria. Nonostante, siano cresciute negli ultimi giorni le aspettative per una revisione della forward guidance, crediamo che almeno fino a marzo non ci saranno modifiche in tal senso. Probabilmente solo a giugno la Bce potrebbe decidere di dicharare la fine del QE a setttembre (termine attuale, lasciato ancora aperto).

Tra i dati macro, occhi puntati sulla prima stima del Pil statunitense in agenda venerdì, insieme agli ordini di beni durevoli. In Europa, occhi puntati sugli indici di fiducia degli investitori e delle imprese tedesche, rispettivamente ZEW e IFO.

Oltre a queste indicazioni, il flusso delle trimestrali statunitensi si intensificherà con le prime aziende tecnologiche che alzeranno il velo sui conti.

 

Lunedì 22 Gennaio

Indice CFNAI dicembre, USA

Trimestrale di Halliburton e Netflix

 

Martedì 23 Gennaio

Indice ZEW gennaio, Germania

Discorso Charles Evans (Federal Reserve di Chicago, votante)

Decisione di politica monetaria Bank of Japan (BoJ), Giappone

Trimestrale di Johnson&Johnson e Verizon

 

Mercoledì 24 Gennaio

Stima flash PMI gennaio, Eurozona

Tasso disoccupazione, UK

Stima flash PMI gennaio, USA

Vendite case esistenti dicembre, USA

Scorte settimanali di petrolio, USA

Trimestrale di General Electric

 

Giovedì 25 Gennaio

Indice IFO gennaio, Germania

Fatturato e ordini all’industria novembre, Italia

Decisione di politica monetaria Norges Bank (NB), Norvegia

Decisione di politica monetaria Banca centrale europea (Bce), Eurozona

Bilancia commerciale beni dicembre, USA

Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione, USA

Vendite nuove case dicembre, USA

Trimestrale di 3M e Intel

 

Venerdì 26 Gennaio

Tasso inflazione dicembre, Giappone

Stima flash PIL 4T, UK

Tasso inflazione dicembre, Canada

Ordini beni durevoli dicembre, USA

Stima flash PIL 4T, USA

Trivelle settimanali attive Baker Hughes, USA

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.