Week Ahead: 04-08 giugno, riflettori su Europa

Agenda dei principali eventi economici della settimana

ZAm_bg_canadian_dollar_pound_euro_1240371

Tanti appuntamenti macroeconomici in settimana. In Europa occhi puntati su Italia e Spagna. Il Governo Conte dovrà dimostrare di realizzare il prima possibile le manovre per rilanciare l’economia del paese. Nel paese iberico il leader dei socialisti Pedro Sanchez dopo aver sostituito Mariano Rajoy come nuovo presidente del Governo dovrà presentare programma e lista di ministri.

Al di fuori dell’Europa riflettori puntati sempre sulla guerra commerciale con la possibile reazione dell’UE dopo la decisione di introdurre dazi da parte dell’amministrazione Trump.

Tra le cifre macro: indici PMI in Eurolandia, PIL del primo trimestre di Australia, Zona Euro e Giappone.

Lunedì 04 Giugno

Vendite al dettaglio, Australia;

Indice Sentix, Zona Euro;

Prezzi alla produzione, Zona Euro;

Indice ISM New York, Stati Uniti;

Ordini alle fabbriche, Stati Uniti;

Incontro a Washington tra il ministro degli esteri turco e il segretario di Stato USA Mike Pompeo a Washington.

 

Martedì 05 Giugno

Meeting RBA decisione su tassi, Australia;

Indici PMI servizi, Spagna, Italia, Francia, Germania, Zona Euro;

Vendite al dettaglio, Zona Euro;

Indice ISM non manifatturiero, Stati Uniti;

Scorte API, Stati Uniti.

 

Mercoledì 06 giugno

PIL 1T, Australia;

Inflazione, Svizzera;

Bilancia commerciale, Stati Uniti;

Scorte di petrolio e derivati EIA, Stati Uniti;

 

Giovedì 07 Giugno

Leading indicator, Giappone;

Disoccupazione, Svizzera;

Ordini alle fabbriche, Germania;

PIL 1T, Zona Euro;

Richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, Stati Uniti;

Incontro presidente giapponese Shinzo Abe e presidente statunitense Donald Trump.

 

Venerdì 08 Giugno

PIL 1T, Giappone;

Bilancia commerciale, Cina;

Produzione industriale, Germania;

Numero di trivelle attive, Baker Hughes, Stati Uniti.

 

 

 

 

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.