Wall Street prova a rialzare la testa

L’indice Dow Jones si riavvicina ai 25 mila punti, prospettive grafiche rialziste di medio termine

US STOCKS

Nonostante le tensioni legate alle vicende geopolitiche (Medio Oriente, Corea) e alle questioni commerciali (accordi con Cina su dazi), l’indice statunitense Dow Jones IA è tornato a salire in modo consistente. Dai minimi di inizio maggio a 23480 punti l’indice ha mostrato un incremento di oltre 6 punti percentuali grazie a una stagione di trimestrali molto positiva.

Da un punto di vista grafico i prezzi hanno mostrato una forza relativa significativa. Dopo una lunga pausa di riflessione (caratterizzata dalla configurazione di un triangolo, classica figura di continuazione nei mesi di febbraio, marzo e aprile) l’indice americano è riuscito a spezzare le catene che lo trattenevano attorno ad area 23500.

Il breakout rialzista della figura di continuazione ha contribuito ad alimentare le prospettive grafiche positive di medio/breve termine. Prossimi target per le posizioni long ipotizzabili a 25500, massimo del 12 marzo, e l’ambizioso 27895 (proiezioni dell’ampiezza della figura).

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.