Wall Street preda della volatilità in vista Fed

Gli indici statunitensi recuperano dopo il tonfo di venerdì.

bg_wall_street_973269
Fonte: Bloomberg

Provano ad alzare la testa gli indici americani dopo il tonfo di venerdì scorso. A fare da traino alle quotazioni sono state le dichiarazioni dovish del membro Fed, Lael Brainard, che ieri ha contribuito a smorzare i timori di un imminente rialzo dei tassi da parte della Banca centrale statunitense.

La Brainard ha sostanzialmente puntualizzato come sia rischioso alzare i tassi troppo velocemente e che la Fed vorrà valutare attentamente l'impatto delle incertezze globali sull'economia Usa. Le probabilità di un rialzo dei tassi sono, così, crollate a un mero 15% per l'appuntamento della prossima settimana contro il 25% di ieri mattina.

Continuiamo a credere che la riunione di dicembre sia quella più adatta per un ritocco dei tassi d'interesse. Il passaggio elettorale rimane, infatti, un elemento cruciale che potrebbe portare incertezza sui mercati e sull'economia Usa. Inoltre, l'attesa fino a dicembre potrebbe essere utile alla Fed per raccogliere ulteriori dati macro e misurare un eventuale impatto derivante dalla Brexit, i cui effetti non si sono ancora spiegati.

Sarà in ogni caso importane leggere il comunicato del FOMC e seguire la successiva conferenza stampa della Yellen per capire come i governatori prepareranno i mercati a un rialzo dei tassi a dicembre, dato che nella riunione di inizio novembre non sarà seguita dalla consueta conferenza stampa.

Cosa aspettarsi nel frattempo? Crediamo che i mercati possano lasciarsi andare un po' alla volatilità visti anche i recenti massimi storici aggiornati dagli indici oltreoceano. Non dovrebbero, però, lasciarsi andare troppo alle vendite, anche in un contesto di dati incoraggianti in arrivo questa settimana (vendite al dettaglio e inflazione).

Il Dow Jonesche ieri è arrivato al test dei 18.000 punti, dovrebbe riuscire a difendersi sopra tale livello. La resistenza principale rimane collocata a 18.600, massimi storici aggiornati in agosto. Da qui potrebbe tentare un allungo anche verso area 19 mila punti.

Attenzione all'eventuale cedimento dei minimi di ieri che aprirebbero a una fase di maggiore debolezza con target 17.500 punti. L'ultimo baluardo a difesa del rally rimane collocato a 17.000 punti, 50% del ritracciamento di Fibonacci nell'ascesa partita dai minimi del 2016 nonché bottom toccato subito dopo il referendum sulla Brexit.

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.