Venti di guerra in Estremo Oriente? Trump contro Kim Jong-un

Nella penisola coreana aumentano le tensioni dopo lo spostamento della flotta statunitense e della celebre portaerei USS Carl Vinson a minacciare le coste nordcoreane

bg_south_korea_stock_exchange_528803

Il leader supremo della Repubblica Popolare Democratica di Corea, Kim Jong-un, ha continuato a coltivare le proprie ambizioni minacciando i paesi limitrofi (Corea del Sud e Giappone) con test missilistici nel Mar del Giappone.

Se durante il periodo di governo di Barack Obama gli Stati Uniti avevano mostrato una certa debolezza in politica estera la situazione è decisamente cambiata dopo l’insediamento dell’ex magnate newyorchese Donald Trump. A dimostrarlo l’intervento in Siria su una base militare governativa dopo il presunto attacco con il gas da parte delle truppe di Assad ai ribelli che ha causato la morte di decine di bambini.

Trump ha dichiarato già da giorni il possibile intervento in Corea del Nord per fermare le forti ambizioni del governo di Pyongyang. E non sarebbe la prima volta. La guerra in Corea del secolo scorso aveva visto proprio l’intervento degli Stati Uniti in difesa della Corea del Sud invasa dalle truppe del nonno di Kim Jong-un ovvero il Grande Leader Kim Il-sung.

Proprio il recente incontro tra Trump e il presidente cinese Xi Jinping ha avuto al centro delle discussioni oltre alla questioni economiche (accordi commerciali e fluttuazione delle valute) anche le tensioni geopolitiche dell’estremo oriente (Corea del Nord, Taiwan e Mar Cinese Meridionale).

Crediamo che un atteggiamento più morbido di Trump nei confronti della militarizzazione di Pechino delle isole nel Mar Cinese Meridionale possa aver convinto Xi Jinping a dare il via libera alle manovre della USS Carl Vinson nelle acque confinanti la penisola coreana.

Riteniamo tuttavia che al momento le azioni di Trump siano solo dimostrative per evidenziare la forza militare del paese. Un vero e proprio bluff. E anche gli addetti ai lavori la pensano nello stesso modo.

Sui mercati sono aumentate le tensioni e la volatilità ma ancora non si sconta un possibile conflitto. In Siria la situazione è estremamente complessa con Bashar Assad appoggiato da Russia e Iran. In Corea del Nord la Cina può chiudere un occhio per le manovre della Vinson ma cambierebbe idea in caso di un intervento armato americano così vicino a propri confini.  

Difficile al momento prevedere quali saranno le nuove azioni di Trump in politica estera. Sarà interessante seguire da vicino soprattutto gli spostamenti del segretario di stato Tillerson pronto a raggiungere Mosca nelle prossime ore per trattare sulla questione in Siria.

Per quanto concerne le reazioni dei mercati l’azionario e il valutario non hanno evidenziato una direzione chiara. Discorso diverso invece per le commodities soprattutto gold e petrolio. Con l’aumento delle tensioni geopolitiche l’oro nelle ultime 4 settimane ha mostrato un rialzo del 6,60% da 1195 a 1275 dollari l’oncia. Ancora più evidente l’incremento del petrolio. Il WTI Light Crude è salito di oltre 10 punti percentuali dai minimi in area 47 ai picchi odierni a 53,50 dollari al barile.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.