Un anno d'oro. Le prospettive per il 2015 del metallo prezioso

Si appresta a chiudere l’anno così come lo aveva iniziato l’oro, sulla soglia dei 1.200 dollari/oncia. 

bg_gold_1281125
Fonte: Bloomberg

Nel mezzo, però, ci sono state variazioni importanti. Prima la corsa fino quasi a lambire la soglia dei 1.400 dollari (1.388) a metà marzo in scia alle tensioni geopolitiche che hanno interessato l’Ucraina. Da giugno poi la discesa è stata inesorabile. Da un lato, il costante calo dei prezzi del greggio, che ha portato a un sensibilmente rallentamento dell’inflazione in molte aree del globo, dall’altro, il forte apprezzamento del biglietto verde, hanno penalizzato le quotazioni del metallo prezioso. Il tonfo è stato toccato a inizio novembre, a quota 1.131 dollari/oncia (minimi da aprile 2010), da cui poi il metallo giallo ha tentato un timido recupero, riposizionandosi verso quota 1.200.

Cosa aspettarsi per il 2015?

L’impressione che abbiamo è che il metallo prezioso possa riprendere la discesa avviata nel corso dal 2011. Le prospettive di un ulteriore calo delle quotazioni del greggio e il tasso d’inflazione su livelli bassi potrebbero continuare a deprezzare l’oro. Senza considerare poi che il rialzo dei tassi di interesse da parte della Fed, previsto per metà anno, dovrebbe alimentare un recupero del dollaro statunitense, a scapito dell’oro. Il primo target rimane a 1.040 - 1.000 dollari. Non ci sentiamo di escludere un tentativo di discesa sotto questo target psicologico.

Cosa potrebbe arrestare discesa delle quotazioni?

Nel corso dell’anno si potrebbero verificare in grado di arginare temporaneamente la discesa dell’oro. Un riaccendersi dei timori in Grecia, piuttosto che un ritorno delle tensioni geopolitiche nell’Est Europa e in Medio Oriente possano rallentarne la discesa. Ogni tentativo di risalita potrebbe trovare un ostacolo prima a 1.260 dollari e poi a 1.350. E’ difficile che si vada oltre. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.