Ultimi sondaggi: M5S primo partito ma centrodestra con più seggi

Secondo gli ultimi poll l’incarico per formare il Governo potrebbe essere dato prima a Di Maio e poi al centrodestra 

bg_italy_rome_1215073
Fonte Bloomberg

Con la nuova legge elettorale Rosatellum bis il compito dei sondaggisti diventa ancora più difficile soprattutto nel calcolo dei seggi al Parlamento. Guardando le proiezioni effettuate con gli ultimi polls il Movimento 5 Stelle sarebbe il primo partito con una percentuale di consensi compresa tra il 24 e il 30% e un numero di seggi alla Camera nella forchetta 120 – 180. Ricordiamo come la maggioranza alla Camera dei Deputati sia di 316 rappresentanti. Tenendo conto che al momento i Pentastellati hanno 88 deputati, se dovessero essere confermati tali valori sarebbe un ottimo risultato e un successo per il gruppo guidato da Di Maio a cui potrebbe essere affidato l’incarico di formare il Governo.

Il leader del M5S ha già espresso l’intenzione in caso di risultato inferiore al 40% dei consensi di formare un Governo con chiunque sia interessato ad accettare il proprio programma.

Molti hanno avvicinato il M5S a Liberi e Uguali di Grasso ma non ci sarebbero al momento i numeri per fare una maggioranza. Negli ultimi giorni continuano a circolare le indiscrezioni su una improbabile alleanza tra M5S e Lega di Salvini.  I numeri darebbero ragione a un possibile patto, le ideologie non molto. Dopo il Patto del Nazareno tutto è possibile.

Il centrodestra da solo non avrebbe i numeri per governare. Secondo i sondaggi la coalizione del centrodestra si attesta tra il 32 e il 36%. Ricordiamo che solamente sopra il 40% una coalizione/partito potrebbe avere i numeri per formare un governo stabile.

Possibile una maggioranza di larghe intese con un governo tecnico. Probabile anche che si possa ritornare alle urne prima di fine anno. Riteniamo che i mercati finanziari italiani (soprattutto l’obbligazionario) possano risentire nelle prossime settimane dell’incertezza elettorale.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.