Ucraina: nuovi scontri nelle regioni orientali

Continua a peggiorare la situazione in Ucraina

Secondo le ultime notizie di stampa a Mariupol sul Mar Nero vicino a Donetsk le truppe paramilitari filorusse avrebbero attaccato con lancio di bottiglie molotov una base della guardia nazionale fedele al Governo di Kiev. 

Oggi si tiene a Ginevra il meeting tra il segretario di Stato USA John Kerry e le autorità politiche di Russia, Ucraina e Unione Europea. Riteniamo che per risolvere diplomaticamente la crisi i paesi occidentali dovrebbero minacciare la possibilità di introdurre sanzioni pesanti dal punto di vista economico, limitando la capacità del sistema economico russo di accedere ai mercati finanziari internazionali. 

Nonostante l'aumento delle tensioni il rublo russo è riuscito nelle ultime ore a recuperare un po' di terreno contro il biglietto verde. Crediamo che al momento siano prese di beneficio da parte degli operatori in attesa di vedere quali soluzioni usciranno dalla riunione in Svizzera. Rimaniamo comunque scettici che si possa nel breve trovare una soluzione. 

Dal punto di vista tecnico il cross USD/RUB dopo aver toccato ieri nuovi massimi delle ultime quattro settimane a 36,54 ha evidenziato un movimento ribassista scendendo fino a 36,14. La correzione è al momento ancora poco significativa. Manteniamo inalterate le nostre prospettive di crescita che verrebbero confermate con il superamento di 36,54, condizione che getterebbe le basi per un allungo in direzione degli obiettivi situati a 36,74 e 37,04. Segnali di debolezza giungeranno invece con il cedimento dei supporti a 35,86 (50% del ritracciamento di Fibonacci dell'ascesa dai bottom del primo aprile), preludio a un possibile calo, in prima battuta, a 35,70, e successivamente, a 35,19.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.