Rublo ai minimi da marzo sia vs euro che vs dollaro

Il crollo dei prezzi delle materie prime ha fatto finire sotto pressione tutte le commodity currency, rublo incluso.

bg_chart_1481343
Fonte: Bloomberg

I timori sulla crescita in Cina, dopo i dati delundenti sui PMI di venerdì, e le turbolenze sui mercati finanziari di questa notte stanno penalizzando le quotazioni di molte commodity, di cui la Cina ne è la principale importatrice a livello globale. Il petrolio non rimane immune da questa tendenza. L'eccesso di offerta, già presente sul mercato primario, potrebbe aggravarsi in concomitanza con un rallentamento della Cina, primo importatore di petrolio al mondo. I prezzi del greggio sono pertanto destinati a scendere ancora, almeno sino ai minimi toccati a inizio anno.

 

Questa mattina il Brent è tornato ai minimi da inizio aprile, raggiungendo quota 54,40 dollari/barile, mentre il WTI rimane vicino ai minimi di venerdì a 47,80 dollari, al di sotto del quale andrebbe a rivedere i livelli di fine marzo.

Il petrolio così basso torna a penalizzare il rublo, che ha aggiornato oggi i minimi di marzo sia verso il biglietto verde che verso la moneta unica. Di conseguenza il cambio Usd/Rub si è riposizionato sopra area 59 questa mattina, mentre quello Eur/Rub è tornato a 65,50.

L'aspettativa di una prosecuzione del calo dei prezzi del petrolio non migliorano l'outlook sull'economia e sulla divisa russa. Il cambio Usd/Rub potrebbe presto raggiungere area 63, massimi di marzo e da qui allungare anche verso area 70. Scenario simile è atteso anche per il cross Eur/Rub, che vede come principale target 70 e poi 80.

 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.