Risiko delle nomine alla BCE, quali effetti per l’Italia

Fra poco verrà nominato il nuovo vice governatore ma presto aumenteranno le discussioni per i posti più importanti negli istituti europei

bg_ecb_1273555
Fonte Bloomberg

Il 19/20 febbraio la commissione dei rappresentanti dei ministeri delle finanze della zona euro si riunirà per votare sulla nomina del nuovo vice governatore della BCE al posto del portoghese Vitor Constancio, il cui mandato scadrà il 31 maggio 2018. La decisione finale sarà poi presa dal Consiglio Europeo il 22/23 marzo che dovrà convalidare la scelta. Al momento i candidati sono due. Il favorito è lo spagnolo Luis de Guindos, ministro dell’Economia del governo Rajoy, conosciuto per la sua politica di austerità. De Guindos aveva già provato ad assumere un ruolo importante nelle istituzioni di Eurolandia quando aveva provato con insuccesso di prendere la presidenza dell’Eurogruppo. Il secondo candidato è il governatore della banca centrale d’Irlanda Philip Lane, economista di fama mondiale spinto dal proprio ministro delle Finanze, Paschal Donohoe. Le speranze di vittoria per Lane sono poche nonostante l’invidiabile curriculum accademico, solamente un forte appoggio dei paesi dei Nord potrebbe ribaltare il risultato.

Ma non è solo il ruolo di vice-governatore a essere in bilico. Il prossimo anno almeno 3 membri dell’Executive Board lasceranno il posto. La poltrona più ambita è quella di Mario Draghi, il cui mandato ha scadenza a ottobre 2019. Nel corso dell’anno lasceranno le loro posizioni anche Benoit Coeure e Peter Praet. Senza dimenticare che saranno da rinnovare anche la presidenza del Consiglio di Vigilanza guidato da Daniele Nuoy e la presidenza della Commissione europea ora legata al lussemburghese Juncker.

Un vero e proprio risiko delle scelte che probabilmente saranno fatte più per ragioni politiche che economiche. Per l’Italia queste decisioni avranno un ruolo fondamentale tenendo conto il livello record del debito del Bel Paese. Una scelta di un falco alla BCE potrebbe portare forti tensioni sull’andamento dei rendimenti dei titoli decennali italiani e sul corso delle quotazioni delle banche italiane.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.